Viaggio da solista di 3 settimane di un fotografo negli Stati Uniti occidentali

Viaggio da solista di 3 settimane di un fotografo negli Stati Uniti occidentali

Un fotografo di viaggio del Colorado ha impiegato diverse settimane di viaggio da solo, vivendo fuori dalla sua macchina e scattando foto per ricaricarsi e prepararsi per un cambiamento di carriera e di vita.

Alex Armitage è un fotografo di viaggi e avventure con sede a Denver che di recente ha fatto il grande passo e ha lasciato il suo lavoro universitario di quasi 8 anni per dedicarsi a YouTube e alla fotografia di paesaggio come carriera a tempo pieno.

Avendo iniziato come fotografo felice di scattare qualsiasi cosa, ha iniziato a concentrarsi sulla scena musicale dal vivo in Florida fino a quando ha fatto un viaggio in Yosemite nel 2012 e ha scoperto il suo amore per la “pratica della fotografia di paesaggio”. Alcuni anni dopo, quando i media di viaggio sono diventati più popolari su Instagram, Armitage ha trovato ispirazione nel vedere altri fotografi uscire e condividere bellissime immagini, il che gli ha dato un’altra spinta per viaggiare e perseguire lui stesso.

Armitage si è concentrato intensamente sulla fotografia di viaggio negli ultimi quattro anni e ora, avendo lasciato il suo lavoro universitario ed è appena tornato a casa dopo un viaggio da solista di tre settimane, può “dire con sicurezza che non c’è sensazione migliore che svegliarsi all’alba , stare fuori fino a tardi al tramonto e perdere il sonno fotografando la Via Lattea. ”

Prepararsi per il viaggio

Il viaggio di diverse settimane che Armitage ha intrapreso di recente non è stato solo per fotografare paesaggi e creare contenuti degni di un portfolio per il suo lavoro. Per Armitage il viaggio ha significato molto di più: è stata un’opportunità per resettarsi mentalmente e avere il tempo di respirare, dopo aver superato alcuni cambiamenti personali nella sua vita, ed è stata anche un’occasione per unire il viaggio alla visita della sua famiglia.

Il fotografo era piuttosto eccitato ma anche nervoso per il viaggio che ci aspettava, dice. Temeva di non avere tutto ciò di cui aveva bisogno o di dimenticare un caricatore specifico per la fotocamera. Sebbene la maggior parte delle cose potessero essere raccolte lungo il percorso, non voleva trovarsi in mezzo al deserto senza il giusto caricatore Canon e perdere le opportunità che il paesaggio offre.

Il fidato compagno di viaggio

Essendo una persona meticolosa che tende a prepararsi “un po ‘troppo”, il che può essere sia una benedizione che una maledizione, Armitage dice di aver passato troppo tempo a capire di cosa esattamente potrebbe aver bisogno per il viaggio. Ha dedicato del tempo alla ricerca di consigli e suggerimenti da altre fonti “van-life”, come “come si lavano i piatti senza sprecare un po ‘d’acqua?” Si scopre che il trucco è mettere in valigia un flacone spray, riempito con metà di acqua e metà di aceto, che ha fatto un buon lavoro per tutto il viaggio.

Armitage ha costruito una piattaforma per il letto nella sua Toyota 4Runner che aiuta a separare e ospitare le sue attrezzature e gli effetti personali e gli consente anche di dormire sopra di essa. Utilizzando una guida di YouTube del fotografo Nick Carver, Armitage ha seguito il tutorial, ma in futuro intende decidere una soluzione più permanente per consentirgli di spostarsi definitivamente nel suo SUV.

Armitage non usa un kit di grandi dimensioni per la sua fotografia: ha confezionato una Canon R5 con Canon EF 16-35mm f / 4L IS USM e obiettivo Canon EF 70-200mm f / 2.8L IS II per il suo lavoro di fotografia di paesaggio, oltre a alcuni accessori, come il treppiede Benro, il sistema di filtri Wine Country Camera e un filtro polarizzatore magnetico.

Per filmare il suo viaggio e il contenuto dietro le quinte, il fotografo ha utilizzato una Fuji XT-4 con l’obiettivo Fujifilm XF 18-55mm f / 2.8-4, un drone DJI Mavic 2 Pro e una GoPro HERO8. Tutta la sua attrezzatura sta comodamente in uno zaino da escursionismo, compresi i treppiedi, senza dimenticare gli importantissimi caricatori, cavi e dischi rigidi esterni.

Guidare attraverso il paese

Armitage non si era prefissato un obiettivo di destinazione particolare oltre a dirigersi a ovest dalla sua casa in Colorado. A parte tutti gli aspetti pratici, il fotografo afferma che “l’unico obiettivo era filmare contenuti, scattare foto e godersi l’esperienza”, il che significava impegnarsi nel viaggio e vedere quali sfide ed esperienze comporta.

New Mexico Badlands
Nuovo Messico

Il fotografo ricorda: “Volevo davvero lasciarmi aperto per esplorare semplicemente ovunque fossi o imparare dove volevo andare durante il viaggio e per fortuna ho incontrato numerose persone lungo il percorso che mi hanno dato suggerimenti che hanno completamente modellato dove sono andato”, inclusi alcuni luoghi e luoghi di cui era a conoscenza ma che non aveva necessariamente programmato di visitare fino a quando non glieli ricordavano.

Las Vegas

Armitage dice di essersi fermato in “troppe località” durante i suoi viaggi, ma alcuni punti salienti di spicco includono le aspre montagne di San Juan in Colorado, i vasti e aridi calanchi dello Utah e i calanchi del New Mexico. I venti implacabili del deserto nella prima settimana sono stati altrettanto memorabili.

Montagne di San Juan
Modello: Lillian Seibert | Utah Badlands
Utah Badlands

Un altro momento indimenticabile include le riprese della Via Lattea alle 4 del mattino, quando improvvisamente una linea di punti luminosi ha iniziato a riempire il cielo, raggiungendo infine da un orizzonte all’altro. Questo ha spaventato il fotografo, ma una volta ricevuto il servizio il giorno successivo, ha confermato che in realtà erano i satelliti Starlink in orbita.

Nel complesso, il Colorado e lo Utah hanno innumerevoli luoghi da fotografare e visitare, ha scoperto il fotografo. Il paesaggio cambia drasticamente da un luogo all’altro, anche se dista solo 50 miglia dalla fermata precedente, il che lo rende un ottimo viaggio per i fotografi che vogliono sperimentare la varietà.

“Un minuto sei in montagne innevate e quello dopo sei nel deserto”, dice.

Montagne di San Juan
Utah Badlands
Utah Badlands
Utah Badlands

Viaggiare e vivere in macchina

Armitage dice che, quando si tratta di viaggiare da soli e vivere fuori dalla macchina, la prima domanda che le persone fanno è: “dove fai la doccia e come usi il bagno?” Trovava relativamente facile trovare posti dove fare la doccia e lo faceva ogni volta che poteva, e lo stesso vale per i bagni. La maggior parte delle notti ha dormito nel terreno del Bureau of Land Management, che in realtà non ha servizi igienici, ma trovare servizi igienici non è difficile se si pianifica in anticipo, dice.

La sfida più grande in realtà era provare a cucinare al vento, il che a volte significava che il fotografo non cucinava e invece mangiava quello che poteva fare senza usare il calore. Lo stesso vale per la ricezione del cellulare, a cui a volte può essere difficile accedere, specialmente nelle città più piccole, e anche se Armitage ama vivere fuori dalla rete di tanto in tanto, ci sono momenti in cui hai bisogno della reception per fare certe cose .

Nel complesso, viaggiare da solo non era qualcosa di cui Armitage era preoccupato e ammette che la sua esperienza potrebbe differire notevolmente da ciò che gli altri attraversano perché “questo è un privilegio di essere un maschio bianco”, e durante il suo viaggio, ha incontrato persone che hanno dovuto prendere ulteriori misure precauzionali per garantire la loro sicurezza “il che è un po ‘sfortunato ma anche la realtà”.

“Stare da solo per me è uno dei modi migliori per schiarirmi le idee e anche se ovviamente può diventare solitario, le connessioni non sono lontane se mai ne avrai bisogno”, dice Armitage. “Ho incontrato un nuovo amico lungo la strada e abbiamo trascorso un bel po ‘di tempo insieme esplorando nuovi posti mentre entrambi vivevamo nei nostri veicoli. Una delle bellezze di trovare posti casuali in cui dormire ed essere là fuori è che potresti incontrare persone che la pensano allo stesso modo con cui hai immediatamente una connessione. ”

Per compartimentalizzare le proprie esperienze, Armitage ha anche cercato di realizzare una breve serie di YouTube in cui intende esplorare questo viaggio di viaggiare e vivere fuori dal suo SUV, non solo come fotografo di paesaggi, ma anche come persona riflessiva che si immerge in questa esperienza completamente immersiva. , con i suoi alti e bassi.

Con il primo episodio rilasciato della serie, il fotografo spera che gli spettatori trovino qualcosa da portare via dal suo contenuto in stile documentario e invita gli altri a unirsi al viaggio dalla comodità dei loro schermi, sia che si tratti di vedere paesaggi pittoreschi e crudi. o il dietro le quinte di com’è vivere la “vita da furgone” come fotografo.

Guardando indietro all’esperienza

Il miglior consiglio è quello di prepararsi per un lungo viaggio e poi prenderne uno breve, non lontano da casa ”, consiglia Armitage. Partire per un viaggio di un fine settimana consentirà ai fotografi cauti in cerca di avventura di imparare cosa potrebbe mancare o cosa deve essere adattato per un lungo viaggio in futuro.

Allo stesso modo, un buon modo per imparare e adattarsi è semplicemente provarci, dice. Facendo viaggi avventurosi come questi, i fotografi potrebbero sbloccare un ardente desiderio di incorporare il viaggio nelle loro vite future perché “puoi solo prepararti così tanto e uscire da lì, svegliarti per quella prima alba uscendo dal tuo veicolo, potresti non voglio svegliarmi di nuovo in una camera da letto. ”

Per quanto riguarda la fotografia, Armitage ha scoperto una passione ancora maggiore per il suo teleobiettivo durante questo viaggio, anche se un obiettivo così lungo non è tradizionalmente la prima scelta per i paesaggi. La maggior parte delle foto scattate durante il viaggio sono state scattate con questo obiettivo e Armitage lo ha trovato un ottimo strumento per fotografare albe e tramonti e afferma che in futuro questo potrebbe diventare il suo obiettivo preferito per la fotografia di paesaggi.

Per quanto riguarda le sue riflessioni personali dal viaggio, Armitage ammette di aver guadagnato molto come persona ma è difficile esprimere tutto a parole:

L’introspezione e la riflessione sono fortemente legate al disconnettersi dal mondo e passare il tempo ad apprezzare la bellezza che ci circonda. Come fotografo – no, come umano, cerco sempre di crescere dalle mie esperienze. La mia vita ha colpito un grande pulsante di reset e questo viaggio mi ha aiutato a trovare dove volevo atterrare quando la polvere si è depositata sugli eventi della mia vita. Il fatto che io possa combinare la terapia dell’essere nella natura con la mia passione per la fotografia non è un brutto punto di partenza.

Altri lavori di Armitage possono essere trovati sul suo sito web o sulla sua pagina Instagram.


Crediti immagine: Tutte le immagini sono di Alex Armitage e utilizzate con autorizzazione.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!