Skydio X2™, il volo autonomo con i droni tocca nuovi e altissimi livelli

Skydio X2™, il volo autonomo con i droni tocca nuovi e altissimi livelli

A distanza di oltre un anno dall’uscita del suo ultimo drone, l’azienda americana Skydio raddoppia, o forse è più corretto dire “moltiplica”, perché il nome del nuovo velivolo che ha presentato è Skydio X2.

Si tratta del fratello maggiore, rinforzato nella struttura e nelle componenti hardware, del “vecchio” Skydio 2 che nei primi giorni di ottobre 2019 stupì tutti quanti, mostrando capacità di volo autonomo davvero incredibili. Merito dei tanti sensori, ma soprattutto di una sofisticata intelligenza artificiale capace non solo di seguire il soggetto senza urtare gli ostacoli lungo il percorso, ma anche di comprenderne i movimenti al punto da indovinare dove si stesse spostando, anticipandone in parte le mosse.
Il tutto poi aiutato e coordinato grazie a un controllo remoto da far tenere nei pressi del soggetto seguito.

Skydio X2 prende tutto questo e lo porta ad un nuovo e altissimo livello, aggiungendoci tanta potenza di elaborazione dati in più e soprattutto una struttura “rugged“, ossia solida e resistente, per affrontare senza paura le difficili sfide per cui è pensato, che vanno dalle applicazioni nell’impresa (ispezioni, mappatura, etc), a quelle nella pubblica sicurezza, abbracciando anche l’ambito militare.

skydio x2 applicazione ambito militare

Caratteristiche

  • Dimensioni che passano da 26.1” X 22.4“ X 8.3” (pollici) da aperto a 11.9” X 5.5” X 3.6” da chiuso;
  • Peso (configurazione base) 1325g;
  • Praticità d’uso, si monta ed è operativo in volo in appena 75 secondi;
  • Processore 256-core NVIDIA Pascal™ GPU per elaborazione massiva di dati in tempo reale (ad esempio ricostruzione immediata del rilievo 3D di una struttura o dei veicoli coinvolti in un incidente stradale);
  • Camera 4K60P HDR con zoom digitale 16x;
  • Termocamera FLIR 320P con zoom digitale 8x;
  • 35 minuti di autonomia di volo;
  • Eliche silenziose ed impercettibili a circa 40 metri di distanza all’aperto;
  • Evitamento ostacoli a 360 gradi, basato su 6 videocamere 4K con visione a 200 gradi e 9 network neurali che elaborano in tempo reale i dati dell’ambiente in 3D e che gli permettono di muoversi con massima consapevolezza ed efficacia anche in ambienti dove non arriva il segnale GPS;
  • Volo e video anche in condizioni notturne grazie ai sensori infrarossi;
  • Range di controllo fino a 6km (5GHz) o 10km (1.8GHz);
  • Controller Ground Station con display da 6,8 pollici ad alta luminosità e sistema operativo Android.

Componenti di alto livello e soluzioni all’avanguardia

Come possiamo vedere, si tratta di specifiche tecniche di altissimo profilo. Skydio punta però anche sull’essere NDAA compliant, ossia sul fatto che il suo prodotto, sviluppato e costruito negli USA in tutte le sue componenti, rispetta gli standard di sicurezza (privacy e trattamento dei dati) che il Governo americano apprezza e impone prima di concedere l’accesso di un prodotto all’interno della dotazione delle su tantissime agenzie governative.
Che si tratti di un drone particolarmente studiato e ingegnerizzato si nota da molti particolari:

  • I motori anteriori sono disassati rispetto ai posteriori e rivolti verso il basso. Le eliche sono tripala e pieghevoli per offrire il massimo rendimento rispetto alle dimensioni e il minimo ingombro durante il trasporto.
  • La grande batteria che offre una autonomia di volo considerevole, permette anche un solida presa per il pilota, durante le delicate fasi di decollo e atterraggio tenendo il drone Skydio X2 in mano.
  • Le due antenne per il controllo del drone e il ritorno video sono anch’esse ribaltabili e situate in un posizione in alto
  • Il radiocomando o controller. di grandi dimensioni incorpora un display LCD ed è dotato di uscita HDMI per essere interfacciato con monitor di grandi dimensioni. Protetto da un guscio di plastica nella parte anteriore, sembra adatto ad essere usato anche in ambienti ostili. La protezione anteriore protegge con una soluzione semplice gli stick e gli altri pulsanti di controllo del drone Skydio X2.
  • Parlando di software non si può non notare la possibilità di eseguire scansioni del terreno, dei manufatti o degli oggetti con successiva  ricostruzione in 3D quasi in tempo reale. Quasi senza l’ausilio di un essere umano. Funzione utilissima in missioni operative militari, ma anche durante il rilevo di incidenti stradali, al fine di liberare la viabilità il prima possibile. O nei rilievi architettonici o scavi archeologi per mappare digitalmente in 3 dimensioni i siti di interesse.
    Tutto questo grazie al pacchetto software aggiuntivo Skydio 3D Scan™- Qui il video dimostrativo

Prezzo

Skydio X2 può essere ordinato sul sito ufficiale a partire da 10.999 dollari americani.

Il prezzo, evidentemente, è di quelli che fanno girare la testa. Però, dopo aver visto il filmato promozionale – che illustra molto bene sia le tante possibili applicazioni sia le altissime performance del mezzo – e soprattutto dopo aver dato uno sguardo alle caratteristiche del drone, diventa (per noi, anche se non pure il portafogli) più facile da digerire.



Iscriviti nel Gruppo Telegram Droni per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!

Fonte DroneZine