Recensione Google Pixel Buds serie A A

Introduzione e Unboxing

Questo è il terzo tentativo di Google con i Pixel Buds. Il passaggio dai Pixel Buds con cavo di prima generazione ai Pixel Buds true wireless dell’anno scorso è stato significativo e ha risuonato bene. “Se non è rotto, non aggiustarlo”, è molto il pensiero di Google con i Pixel Buds A-Series. Questi auricolari TWS hanno lo stesso aspetto, hanno molte delle stesse caratteristiche e costano $ 80 in meno rispetto ai Pixel Buds 2020.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie APixel Bud (2020) [left], Pixel Bud serie A [right]

La “serie A” di Google è normalmente associata alla sua gamma di smartphone Pixel. Sebbene i modelli Pixel abbiano il suffisso con una “a” minuscola, significano la stessa cosa: un’esperienza simile che offre alla loro controparte di punta ma a un prezzo inferiore. Prima di dirti cosa manca, esaminiamo cosa ottieni con le Buds A-Series.

I Pixel Buds A-Series sono pubblicizzati come un paio di auricolari dal suono premium con una vestibilità comoda, chiamate chiare e un’ottima durata della batteria. L’esperienza è inoltre profondamente integrata con l’Assistente Google e incentrata sull'”utilità di Google”.

I Pixel Buds A-Series sono dotati di auricolari di tre dimensioni, un cavo di ricarica da USB-A a USB-C e una guida rapida.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A Series

Ora che abbiamo visto cosa è incluso nella confezione, diamo un’occhiata più da vicino all’hardware stesso.

Hardware e design

I Pixel Buds A-Series sono identici nel design e si adattano ai Pixel Buds dell’anno scorso. La custodia di ricarica ha all’incirca le stesse dimensioni, ma è più leggera di 8 grammi (53 g) poiché non ha una bobina di ricarica wireless. Nel complesso, ci piace la forma arrotondata che è come se un uovo avesse solo due dimensioni e mezzo. La cerniera ribaltabile è molto robusta e non si muove quando è chiusa.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A Series

La chiusura magnetica è abbastanza forte da tenere chiusa la custodia, ma se hai lasciato cadere la custodia di ricarica da qualsiasi altezza, i Buds voleranno sicuramente fuori dalla custodia. Se sei goffo, stai lontano dalle griglie delle fogne: Google addebita $ 39+ di tasse per sostituire un singolo Pixel Bud A-Series in caso di smarrimento o danneggiamento.

Gli stessi Buds sono piccoli e pesano 5 grammi ciascuno e sono abbastanza leggeri da farti dimenticare di indossarli. I Bud sono per lo più realizzati in plastica, ma la superficie più ampia del Bud è una morbida finitura opaca mentre la parte posteriore rivolta verso la testa è lucida. Entrambi gli auricolari sono classificati per la resistenza all’acqua e al sudore IPx4.

Ogni Bud ha un microfono beamforming nella parte inferiore e c’è un microfono per la riduzione del rumore nella parte superiore in modo che l’altra parte in una chiamata possa sentirti chiaramente. Ogni bocciolo è inoltre dotato di un sensore di usura: se lo estrai, la riproduzione si interromperà automaticamente.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A Series

Il suono è prodotto da driver personalizzati da 12 mm, proprio come i più costosi Pixel Buds. Le gemme sono inoltre dotate di uno “sfiato spaziale” che regola la pressione dell’aria all’interno dell’orecchio. Questo dovrebbe aiutare con il comfort a lungo termine e lo esamineremo più avanti.

Sebbene il loro design sia estremamente identico, i componenti dei Pixel Buds e dei Pixel Buds A-Series sono diversi. Il touchpad della serie A non è in grado di rilevare i gesti di scorrimento, il che significa che non è possibile regolare il volume utilizzando uno scorrimento. C’è anche un sensore di prossimità in meno in ogni gemma, che ha ridotto il peso complessivo di ciascuna gemma di circa mezzo grammo.

Vestibilità e comfort

I Google Pixel Buds sono un affare di taglia unica, a parte i gommini. Se hai avuto problemi con il montaggio dei Pixel Buds dell’anno scorso e speri che questo possa essere stato modificato, rimarrai deluso. Il montaggio è identico e dovrebbe andare bene per la maggior parte. Nel mio caso, l'”arco stabilizzatore” in silicone non si ferma davvero dove dovrebbe. Piuttosto, l’arco può o meno (di solito non lo fa) entrare in contatto con il mio orecchio.

Questo non vuol dire che i Buds siano scomodi. Anche se i Buds sono per lo più ancorati solo ai gommini, sono comunque sicuri e li ho trovati comodi per un uso prolungato. Se opti per punte in schiuma di terze parti, potresti trovarle più comode, ma potresti anche riscontrare problemi quando le inserisci nella custodia di ricarica.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A Series

Alcuni utenti hanno segnalato che l’arco stabilizzatore dei Pixel Buds dell’anno scorso potrebbe eventualmente formare un punto di innesco faticoso sull’orecchio. Posso immaginare che succeda la stessa cosa qui. Le gemme sono leggere, piccole e dovrebbero essere comode per un uso prolungato per la maggior parte. Inoltre, l’adattamento tende ad essere soggettivo e varia da persona a persona.

Nonostante lo stabilizzatore non fosse ottimale per la forma delle mie orecchie, non hanno avuto problemi a rimanere ferme, anche durante l’allenamento. Come con qualsiasi paio di auricolari, il sudore eccessivo alla fine li farà scivolare fuori, quindi indossa una fascia per la testa.

Funzionalità dell’app

Per la configurazione, Fast Pair semplifica la ricerca di un nuovo paio di Pixel Buds per i dispositivi Android. Nessun modello di Pixel Buds supporta l’accoppiamento multipunto, quindi dovrai accoppiare manualmente i tuoi Buds ogni volta che vuoi passare dall’utilizzo del telefono Android all’utilizzo di un PC.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A Series

Sebbene i Pixel Buds siano tecnicamente compatibili con iOS, l’abbinamento con un telefono Android è la strada da percorrere. Se disponi di un telefono Android non Pixel, tutte le funzioni e i controlli sono accessibili dall’app Pixel Buds. Da lì, puoi modificare le impostazioni, far suonare un Bud se lo hai lasciato cadere dietro il divano e scaricare gli aggiornamenti del firmware per i Buds. Se hai impostato l’utilizzo di iOS, ti consigliamo di disporre di un dispositivo Android per gestire le impostazioni e gli aggiornamenti del firmware per i Buds.

Google Assistant è il principale punto di forza dei Pixel Buds A-Series e la sua implementazione e integrazione con Android è eccellente. Non solo le notifiche verranno lette nell’orecchio, ma potrai rispondere direttamente dai Buds, senza utilizzare il telefono. Questo in realtà funziona molto bene e mi sono ritrovato ad usarlo spesso per rispondere ai messaggi ricevuti mentre lavoravo.

Puoi anche parlare con l’assistente come faresti sul tuo dispositivo per impostare promemoria, timer, chiedere curiosità o controllare il meteo e chiedere di chiamare un contatto.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A

Puoi tenere premuto uno dei due Bud, attendere il segnale acustico e iniziare a parlare. La tua richiesta viene inviata quando lasci andare il Bud. I Buds ascoltano sempre anche la frase di attivazione “Hey Google” se preferisci un metodo a mani libere. Toccando uno dei due Bud si interromperà l’assistente e riprenderà la riproduzione.

Dovresti ricevere una risposta da Google entro tre secondi. A volte potrebbe essere necessario un po’ più di tempo, anche a seconda della connessione.

Una volta che viaggiare tra i confini diventa di nuovo sicuro, puoi utilizzare i Pixel Buds per aiutarti a tradurre. Puoi utilizzare i Buds per chiedere a Google “Aiutami a parlare [a supported language]”. Li ho testati per tradurre in spagnolo e mentre la traduzione è molto veloce, potrebbe mancare un paio di parole qua e là.

Quando si tratta di personalizzazione, non c’è modo di cambiare davvero i controlli touch dei Pixel Buds. L’interfaccia di Buds e l’app sono mantenute il più semplici possibile. Le seguenti sono le impostazioni dei Pixel Buds A-Series che possono essere personalizzato attivato o disattivato:

  • Assistente Google “Hey Google”: consente all’assistente di essere svegliato dalla frase di attivazione
  • Riproduci suono di avvio: il segnale acustico che viene riprodotto quando pronunci la frase di attivazione
  • Controlli touch: attiva o disattiva il controllo touch
  • Bass Boost: l’unica opzione EQ disponibile, rende i bassi e i sub-bassi più pronunciati
  • Suono adattivo: regola automaticamente il volume in base al rumore ambientale
  • Rilevamento in-ear: riproduci/metti in pausa automaticamente la riproduzione quando un Bud viene rimosso

Adaptive Sound è una caratteristica unica di entrambi i modelli Pixel Buds. I Buds possono regolare gradualmente il volume della tua musica a seconda della quantità di rumore ambientale presente. Ho trovato che Ambient Noise funziona abbastanza bene quando si porta il cane a fare una passeggiata. Il volume aumentava rapidamente ma dolcemente ogni volta che passava un’auto o un aereo rombava sopra di loro, il volume tornava a livelli normali dopo che l’evento si era abbassato.

Puoi sempre ignorare la funzione regolando manualmente il volume. Adaptive Sound è temporaneamente disabilitato fino a quando il panorama sonoro non cambia e richiede una nuova regolazione. L’app Pixel Buds rileva che Bass Boost e Ambient Noise Maggio probabilmente ridurrà la durata della batteria. Questo ci porta alla durata della batteria.

Ricarica, durata della batteria e connettività

I Pixel Buds A-Series sono classificati per 5 ore di riproduzione con una singola carica e un totale di 24 ore con la custodia di ricarica. La custodia si ricarica tramite USB-C, ma la ricarica wireless non è disponibile.

Google spiega che questa valutazione di 24 ore si basa su esecuzioni di test eseguite con hardware prototipo e che le funzionalità di power-sucking sono disabilitate, quindi il tuo consumo effettivo varierà.

Nella mia esperienza, i Pixel Buds A-Series hanno esaurito la custodia di ricarica di circa il 5% per ogni ora di ascolto (utilizzando entrambi i Buds). Ciò ha comportato un tempo di riproduzione stimato di 20 ore per i Pixel Buds A-Series con una carica completa.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A

Per quanto riguarda la connettività, molti utenti hanno riscontrato un segnale instabile e una connessione interrotta con i Google Pixel Buds dell’anno scorso e i Google Pixel Buds A-Series hanno aggiornato le radio per migliorare la stabilità.

Purtroppo, ho riscontrato interruzioni della connessione che hanno provocato la disconnessione, seguita da una riconnessione immediata durante la riproduzione di musica che in qualche modo è stata attivata ogni volta che ho provato a utilizzare Google Assistant. Ho rintracciato il colpevole fino a una vicina connessione Wi-Fi a 2,4 GHz (e alla vicinanza del router) che stava causando interferenze con i Buds A-Series.

Qualità del suono e telefonate

Nonostante non siano in grado di applicare impostazioni EQ personalizzate, i Pixel Buds A-Series offrono un suono ben bilanciato con medi e alti chiari. Sebbene i bassi e i bassi possano inizialmente mancare per alcuni, l’opzione Bass Boost dovrebbe soddisfare coloro che cercano bassi potenti. A seconda dei generi che ascolti, gli alti possono essere un po’ rochi, ma i Buds sono eccellenti per consumare podcast e dialoghi.

Suonano sorprendentemente bene per un paio di Bud in questa fascia di prezzo e sicuramente impressioneranno il consumatore medio, specialmente con il Bass Boost abilitato. Altrimenti, quando disattivato, il suono era molto ben bilanciato con una bella enfasi sulla voce e sui medi.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A Series

I Buds funzionano con il codec AAC sia su Android che su iOS e ogni Bud è connesso in modo indipendente, quindi non c’è trasmissione tra Buds.

I Buds utilizzano microfoni a forma di raggio per le chiamate vocali e i microfoni a riduzione del rumore mi consentono di utilizzare i Pixel Buds per effettuare telefonate vicino a una strada trafficata con i chiamanti che riferiscono di essere stati in grado di sentirmi molto chiaramente.

Concludete, verdetto

Prima di dare il nostro verdetto, diamo un’occhiata a quali altri prodotti sono in competizione con le Buds A-Series. Il primo che mi viene in mente sono gli AirPod entry-level, che partono da $ 159. Questo dipende davvero da quale sia il tuo dispositivo principale e se preferisci Siri o Google Assistant. Se hai un iPhone, avrai un’esperienza meglio integrata con gli AirPods, dovrai solo sgranare un po’ di più per farlo. Sebbene sia possibile utilizzare Buds A-Series con un iPhone, non è l’esperienza ideale.

Non possiamo parlare della loro qualità del suono, ma Amazon Echo Buds offre un’esperienza di assistente in-ear simile all’integrazione di Buds con Google Assistant. Questo dipenderà davvero dal fatto che tu sia più profondamente immerso nell’ecosistema di Alexa. Le Buds A-Series sono ancora un po’ più economiche.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A Series

I Galaxy Buds+ di Samsung hanno attualmente lo stesso prezzo dei nuovi Pixel Buds e offrono molta più personalizzazione, suono passthrough, profili EQ e persino ricarica wireless, ma credo che il pacchetto Pixel Buds e l’app Pixel Buds siano più user-friendly.

I Pixel Buds dell’anno scorso sono effettivamente elencati con uno sconto in molti posti, quindi potresti essere in grado di trovarli per soli 20 dollari in più rispetto alla serie A se trovi che la ricarica wireless e i controlli di scorrimento del volume valgono i soldi extra. Questo è solo se riesci a trovare i Pixel Buds dell’anno scorso, che sono ampiamente esauriti.

Proprio come Google è riuscita a realizzare i modelli Pixel “a” più convenienti, l’azienda ha ridotto i costi dei Pixel Buds, replicando l’esperienza utente principale. Il risultato è un set completo di funzionalità in un pacchetto conveniente, portatile ed elegante a un prezzo ragionevole.

Notizie 21 07 Recensione recensione Google Pixel Buds serie A

Diamo ai Pixel Buds A-Series una ferma raccomandazione per il loro suono eccezionale, l’eccellente qualità delle chiamate e la profonda integrazione con l’Assistente Google. La durata della batteria non è la più elevata che abbiamo mai visto, ma è comunque più che sufficiente. Anche se potrebbero non essere il i migliori auricolari in circolazione, funzionano così bene con i telefoni Android e sono così piacevoli da usare.




Iscriviti nel Gruppo Telegram Tutti i Gruppi per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!