Problemi hardware composti come SSD, HDD soffrono di carenza di approvvigionamento

Problemi hardware composti come SSD, HDD soffrono di carenza di approvvigionamento

Un nuovo rapporto indica che sia le unità a stato solido (SSD) che i dischi rigidi (HDD) scarseggiano. In combinazione con la carenza globale di chip, il problema non farà che aumentare i problemi vissuti sia dai consumatori che dai produttori.

Se abbinata a interruzioni della catena di approvvigionamento come il blocco del canale di Suez e rallentamenti generali e interruzioni del lavoro che si sono verificati a seguito della pandemia globale di coronavirus, la mancanza di disponibilità di parti è già disastrosa per le persone che cercano hardware tanto necessario.

Secondo un recente rapporto di Tendenze digitali, i minatori di criptovaluta, che sono già stati accusati dell’attuale carenza di schede grafiche, sono ora accusati di una nuova carenza che sta colpendo lo spazio di archiviazione del computer. Se il rapporto è accurato, questi minatori di valuta digitale sono già responsabili dell’ottenimento del maggior numero possibile di SSD e HDD, rendendo ancora più difficile per i normali consumatori trovare fonti per gli stessi prodotti. I settori dei PC, dei giochi e delle foto / video saranno costretti a far fronte a una fornitura esaurita.

Gran parte di questa preoccupazione dipende dall’aumento della popolarità di una nuova criptovaluta chiamata Chia. A differenza di altre valute digitali, Chia fa molto affidamento sullo spazio di archiviazione in quanto si basa su un modello di “prova dello spazio e del tempo”. Si dice che questa valuta, sviluppata dal creatore di BitTorrent Bram Cohen, faccia affidamento sull’archiviazione come modello più rispettoso dell’ambiente poiché unità come SSD e HDD consumano meno energia rispetto alle GPU più potenti per il mining di Ethereum, rendendo il modello Chia più accessibile al pubblico in generale.

Il rovescio della medaglia è che questa accessibilità potrebbe finire per provocare enormi carenze di componenti di archiviazione del computer vitali poiché i miner digitali iniziano ad accumulare i dispositivi di archiviazione. Secondo il rapporto, questa situazione sta già accadendo con i minatori occasionali che acquisiscono rapidamente negozi di entrambi i tipi di unità in previsione del lancio di Chia.

Il produttore di SSD Jiahe Jinwei in Cina ha riferito in una nota su MyDrivers di essere stato completamente esaurito delle sue unità NVMe M.2 da uno e due terabyte, il che ha spinto l’azienda a prendere provvedimenti per copiare ciò che AMD e Nvidia hanno fatto nel settore delle GPU. Mira a impedire ai minatori di criptovaluta di acquistare un gran numero di SSD destinati alla vendita ai consumatori e inizieranno a realizzare unità progettate specificamente per il mining, proprio come Nvidia ha rilasciato schede grafiche CMP specifiche per il mining. È possibile che questi produttori di SSD e HD inizieranno anche a rilasciare unità per i consumatori con driver che li rendono meno adatti per il mining nel tentativo di impedire ai minatori di criptovaluta di accumulare i dispositivi prima che i consumatori generali possano acquistarli.

Tuttavia, si discute se questo metodo funzioni effettivamente. Alcuni sostengono che realizzare prodotti specifici per i minatori non aiuta, poiché la produzione di hardware è limitata e la produzione di dispositivi realizzati per i minatori non ha un valore di rivendita limitato, il che danneggia anche la fornitura. L’argomento completo contro le GPU specifiche per il mining può essere visto nel video qui sotto di Linus Tech Tips.

Dato che esiste già una carenza esistente di GPU e CPU dovuta in parte al mining (ma non del tutto), l’aggiunta di una nuova criptovaluta che richiede specificamente più spazio di archiviazione fisico è pronta a rendere la costruzione di un computer, sia PC desktop tradizionali che qualsiasi dispositivo informatico ciò richiede spazio di archiviazione a bordo come auto, console di gioco e altre tecnologie moderne popolari, molto più costose per coloro che non sono disposti ad aspettare la carenza. Significa anche che le opzioni di backup per fotografi e videografi diventeranno molto più costose e importanti.

Fino al lancio di questa nuova valuta Chia, la piena portata del suo impatto sul mercato dei computer e dello storage non sarà nota, ma se le previsioni sono accurate, i prezzi per l’archiviazione aumenteranno in modo aggressivo – questo è ovviamente, se riesci a trovarne guida affatto. Secondo Wccftech, i prezzi sono già aumentati dell’equivalente da $ 26 a $ 76 per i dischi rigidi con spazio di archiviazione da 4 TB a 18 TB e si prevede che i prezzi continueranno a salire una volta lanciato Chia.


Crediti immagine: Foto dell’intestazione concessa in licenza tramite Depositphotos.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!