Manfrotto e Gitzo tentano di standardizzare la capacità di carico del treppiede

Manfrotto e Gitzo tentano di standardizzare la capacità di carico del treppiede

Manfrotto e Gitzo hanno registrato una nuova pratica di prova con l’UNI – un ente di normazione italiano – che crea un nuovo standard internazionale per la capacità di carico del treppiede, anche se deve ancora essere adottato al di fuori delle due società.

Come notato da Fotografia fai da te, a maggio è stata depositata la nuova normazione UNI/PdR 105: 2021 e contiene un metodo di prova per la determinazione del carico utile massimo dei supporti sia per treppiedi che per teste treppiede per uso foto e video. I documenti di normazione sono disponibili sia in italiano che in inglese, e mentre Manfrotto e Gitzo potrebbero aver creato la pratica di prova, l’UNI ora ha la responsabilità della sua applicazione e supervisionerà tutte le aziende che desiderano utilizzare lo standard per certificare i prodotti.

“La pratica di riferimento UNI/PdR 105:2021 è stata pubblicata dall’UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) l’ente regolatore di settore italiano indipendente riconosciuto a livello internazionale da CEN e ISO. In quanto tale, all’UNI è affidato lo sviluppo, la pubblicazione e la promozione di standard e buone pratiche per migliorare l’efficienza e l’efficacia del sistema socioeconomico insieme alla protezione dei consumatori e dell’ambiente”, afferma il produttore del treppiede, secondo CineD.

La pratica di riferimento è finalizzata alla definizione del metodo di prova per la determinazione del carico utile massimo dei supporti (treppiedi e teste) utilizzati per foto e video. Il documento è applicabile a tutti i supporti foto e video dotati di fermi meccanici a frizione che sono identificati e suddivisi nelle seguenti categorie:

Non esiste uno standard industriale attuale per il modo in cui le aziende di treppiedi valutano il peso che un treppiede può sostenere in sicurezza, né è spesso specificata la differenza tra il “carico utile massimo” di un treppiede rispetto al suo “carico utile di sicurezza”. Manfrotto afferma che il “carico utile di sicurezza” è il peso massimo che un treppiede può sopportare mantenendo la sua piena funzionalità in sicurezza, mentre il carico utile massimo è quanto può contenere il treppiede prima di crollare. L’azienda afferma che questa differenza nella capacità di carico dovrebbe essere più trasparente in tutto il settore.

Al momento della pubblicazione, solo Manfrotto e Gitzo di Vitec Group hanno firmato per utilizzare lo standard, anche se la speranza è chiaramente che si diffonda e venga utilizzato dall’intero settore. Entrambi i treppiedi Manfrotto e Gitzo porteranno una certificazione sul “carico utile di sicurezza” per ciascuno dei suoi treppiedi, che indicherà ai fotografi quanto carico può sostenere in sicurezza ed entrambi continueranno a funzionare pienamente senza danneggiare il treppiede a lungo termine.

Sono già in vigore standard per i test di resistenza all’acqua (classificazioni IP) e le batterie delle fotocamere (classificazioni CIPA), sebbene un’ulteriore standardizzazione dei test sia rara nel settore della fotografia. Non è chiaro se altri produttori vedranno un vantaggio nell’utilizzo della standardizzazione, anche se la pressione dei consumatori potrebbe fare molto per vederla ampiamente adottata.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!