Le fotocamere digitali solo in bianco e nero sono pazze al giorno d’oggi?

Le fotocamere digitali solo in bianco e nero sono pazze al giorno d’oggi?

Vent’anni fa, pochi fotografi avrebbero messo in dubbio la tua scelta di uscire con la pellicola in bianco e nero caricata nella tua fotocamera preferita. Oggi, quando dico alla gente che la mia fotocamera digitale di medio formato scatta solo in bianco e nero, sono pronto a ricevere tanto critiche quanto confusione.

Le risposte in genere vanno da “Non sapevo che fabbricassero tali fotocamere” a “Perché dovresti limitarti in questo modo – il colore non ti offre molte più opzioni?” In questo articolo, vorrei dare un’occhiata più da vicino al motivo per cui vale davvero la pena considerare un prodotto di nicchia del genere.

Nel 2012, ho scoperto per la prima volta una fotocamera digitale solo monocromatica, la famosa Leica M Monochrome. Un anno dopo, sono stato invitato a New York City per provare il dorso digitale di medio formato Phase One IQ260, rilasciato di recente, anch’esso disponibile in una versione monocromatica chiamata IQ260 Achromatic. Secondo Wikipedia, acromatico significa letteralmente “senza colore”.

Mentre una normale fotocamera digitale utilizza un mosaico di filtri colorati Bayer sul sensore per consentirle di rilevare l’intensità della luce rossa, verde e blu, una fotocamera monocromatica è costruita senza un tale array di filtri colorati. Di conseguenza, il sensore cattura solo la luminanza. I file RAW sono in bianco e nero, proprio come i negativi in ​​bianco e nero.

Nel 2017, Phase One ha rilasciato l’IQ3 100MP Achromatic, il primo dorso digitale di questo tipo a utilizzare un sensore CMOS. Questo dorso ha consentito tempi di esposizione molto più lunghi fino a un’ora, migliori prestazioni ISO elevate e una migliore visualizzazione dal vivo (tra le altre cose). Con tali specifiche, era perfetto per il tipo di fotografia che stavo facendo, quindi ho fatto il grande passo e ho investito. Prima di impegnarmi, ho preso in prestito la parte posteriore e l’ho testata ampiamente (cosa che consiglio vivamente a chiunque sia seriamente interessato a tali apparecchiature).

Se guardi in giro online, troverai una serie di vantaggi proposti dalle fotocamere digitali monocromatiche in bianco e nero, la maggior parte delle quali sono legate alla tecnologia. Tra questi vantaggi vi è l’effetto di una maggiore risoluzione e nitidezza (a causa della rimozione del filtro Bayer), meno artefatti di aliasing, un aumento del rapporto segnale / rumore, nonché una maggiore sensibilità del sensore (ovvero un ISO di base più elevato).

Inutile dire che questi guadagni di qualità sono davvero visibili solo se si eseguono stampe su larga scala: a formati più piccoli, sarebbe praticamente impossibile dirlo.

Tra gli svantaggi c’è il fatto che non puoi convertire il “retro” in colore (ma puoi sempre passare dal colore al bianco e nero).

Oltre a questo punto, alcune persone sostengono che l’acquisizione del colore in origine offre un maggiore controllo sull’aspetto finale in bianco e nero durante la post-elaborazione. Ad esempio, potresti utilizzare il canale blu per scurire facilmente il cielo nella conversione in bianco e nero. Con una fotocamera monocromatica, invece, dovresti fare una selezione più complicata del cielo per ottenere lo stesso livello di controllo, oppure dovresti usare un filtro rosso sull’obiettivo al momento dell’acquisizione originale .

Un altro svantaggio proposto è che, a meno che tu non sia un fotografo in bianco e nero impegnato, l’utilizzo di una fotocamera solo monocromatica ti offrirà meno flessibilità – tornando alla mia analogia con la pellicola sopra, l’uso della pellicola in bianco e nero ti ha impegnato solo fino alla fine del il rotolo (o foglio singolo); ogni fotocamera era ancora perfettamente in grado di riprodurre il colore. Quindi è vero che una fotocamera digitale solo monocromatica è uno strumento dedicato, ma se è quello che stai cercando, non è certo uno svantaggio, ma piuttosto il contrario.

Infine, il prezzo è un serio deterrente. Poiché le fotocamere digitali monocromatiche sono un prodotto di nicchia, tendono ad essere più costose delle loro normali controparti a colori. Ma tali prodotti esistono in molti mercati. Ciò che conta è se pensi che la prestazione giustifichi il costo.

Questo per quanto riguarda gli argomenti più utilizzati, sia a favore che contro una fotocamera digitale solo monocromatica.

Approfondiamo un po ‘mentre spiego alcune delle mie ragioni personali per scegliere un prodotto di nicchia.

Ricordo di essere stato incuriosito dalle fotografie che sono riuscito a fare con il Phase One 260 Acromatic durante i miei brevi test iniziali. Mi ha subito ricordato di lavorare con la pellicola, un periodo in cui non ci si affidava così tanto alla post-elaborazione, ma si prendeva invece delle decisioni prima di far scattare l’otturatore. Ho rispolverato i miei filtri a tinta unita e ho iniziato a usarli sull’obiettivo per influenzare le densità in aree particolari. Anche se questo ha richiesto uno sforzo maggiore al momento dell’acquisizione, ho notato una significativa riduzione del tempo impiegato per la post-elaborazione in seguito. Per cominciare, non dovevo convertire da colore a bianco e nero (poiché i miei file RAW erano già monocromatici), e persino la regolazione fine della luminosità e del contrasto locali è stata eseguita più velocemente (perché potevo già iniziare quel processo nella fotocamera) .

Scommetto felicemente più tempo trascorso all’aperto a creare fotografie con meno tempo speso in post. Mi piace lavorare lentamente e deliberatamente con la mia fotocamera, quindi aggiungere un po ‘di tempo usando i filtri non è davvero un inconveniente. Mi fa sentire più in controllo del processo creativo prima ancora che inizi la post-produzione.

È vero che il dorso acromatico IQ4 150MP, che uso oggi, è un kit molto specializzato. Per quanto riguarda i motivi tecnici sopra citati, l’unico che fa la differenza è la risoluzione e la qualità dell’immagine risultante. Se vuoi fare stampe su larga scala, come me, semplicemente non c’è nessun altro sistema di fotocamere che si avvicini. Stampe di qualità superiore e più grandi si traducono in maggiori vendite e di valore più elevato. Sì, il prezzo è un serio ostacolo, ma se puoi noleggiare questa attrezzatura se gestisci un’attività fotografica, l’acquisto sarà più fattibile dal punto di vista economico.

Anche se alcuni potrebbero trovarlo limitante, mi piace fotografare solo in bianco e nero. Vedo la mancanza di colore come un enorme passo verso l’impegno e la chiarezza della mia visione e intenzione. Il mio lavoro fotografico è sempre stato monocromatico, quindi l’utilizzo dell’Acromatico ha di fatto semplificato il mio flusso di lavoro e chiarito il mio processo decisionale.

Troppe scelte e troppa attrezzatura possono paralizzarci. Nell’era del montaggio non distruttivo, parlo con molte persone che hanno paura di prendere un impegno. Di cosa hanno paura, esattamente? Invece di concentrarti, gioco di parole, su ciò che non è possibile, suggerisco a tutti di abbracciare ciò che può essere ottenuto. Il bicchiere dovrebbe essere sempre mezzo pieno e non mezzo vuoto. Questo è vero per qualsiasi attrezzatura con cui lavori. Non esiste una fotocamera perfetta per ogni situazione e progetto fotografico, quindi ci saranno sempre dei compromessi. Se voglio davvero fotografare quel bel cielo rosa al tramonto, tiro fuori il mio iPhone.

Credo che tutto dipenda da ciò che speri di ottenere. Una volta definito un progetto fotografico, o almeno deciso una direzione generale per il tuo lavoro, scegli lo strumento giusto per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. Certamente non deve essere una fotocamera solo monocromatica, ma potrebbe essere una scelta praticabile.

Ci sono alcune altre caratteristiche del Phase One IQ4 150MP acromatico che vale la pena sottolineare. Innanzitutto, il sensore può catturare la luce a infrarossi, che personalmente uso meno per l’effetto e di più per il controllo della tonalità esteso nella fotocamera. Ad esempio, la cattura a infrarossi schiarisce il fogliame e scurisce i cieli blu. Ed è semplice come usare un filtro davanti all’obiettivo, quindi è anche possibile catturare la stessa scena due volte, una volta in luce visibile normale e, in secondo luogo, a infrarossi. Le fotografie risultanti possono essere unite in post per un controllo ancora maggiore.

Parlando di unire più fotogrammi in post, è possibile creare fotografie a colori con una fotocamera monocromatica. Questo processo prevede lo scatto di tre fotografie in bianco e nero e il filtraggio di ciascuna di esse in rosso, verde e blu, quindi assemblarle in una fotografia a colori in Adobe Photoshop. Nei miei test, il processo risulta essere piuttosto complicato ma i risultati sembrano originali, soprattutto quando si utilizzano lunghe esposizioni. C’è molto potenziale creativo qui.

Puoi provarlo anche con la tua fotocamera digitale (a colori). Scatta semplicemente le stesse tre fotografie utilizzando i filtri colorati e converti i file RAW in bianco e nero. Questi saranno la base per la tua fotografia a colori finale, in cui assegni a ciascuna immagine il canale rosso, verde o blu in Photoshop (corrispondente al filtro con cui hai creato l’immagine).

Ho salvato la mia funzione preferita per ultima. Nota che questo non è limitato all’Acromatico: anche la normale versione a colori IQ4 150MP offre questo. Sto parlando della media dei fotogrammi, l’opportunità di creare l’aspetto di una fotografia a lunga esposizione semplicemente facendo la media di un numero di fotografie regolari con tempi di posa rapidi. E tutto questo nella fotocamera. Nessun filtro ND e nessuna riduzione del rumore necessaria. È simile alla modalità di esposizione lunga offerta dall’iPhone, ma molto più controllabile e potente. Per il fotografo a lunga esposizione, questa funzione vale molto e funziona magnificamente.

Leggi anche: La Leica M10 Monochrom è eccezionale non nonostante le sue debolezze, ma per loro

Se tutto ciò ha stimolato il tuo interesse a saperne di più sulle fotocamere monocromatiche, oltre a controllare le fotocamere Phase One e Leica, lascia che ti indichi anche www.MaxMax.com, dove puoi acquistare fotocamere digitali solo monocromatiche convertite (o avere il tuo convertito). La selezione include i popolari modelli Nikon, Canon, Fujifilm e Panasonic, con prezzi a partire da circa $ 1000.

Vuoi provare a prendere un impegno maggiore per il bianconero senza spendere nulla? Quindi, il mio consiglio sarebbe quello di impostare gli “stili immagine” della fotocamera in bianco e nero o creare un preimpostato di importazione B + N nel processore RAW preferito. Fallo per una ripresa pomeridiana, un’intera giornata o per tutto il tempo che desideri. Spero che vi piaccia. So di averlo sempre fatto.


L’articolo è per gentile concessione di ELEMENTS Magazine. ELEMENTS è la nuova rivista mensile dedicata alla migliore fotografia di paesaggio, editoriali penetranti e design fluido e pulito. All’interno troverai articoli e immagini esclusivi e approfonditi dei migliori fotografi paesaggisti del mondo come Bruce Barnbaum, Christian Fletcher, Rachael Talibart, Charles Cramer, Hans Strand, Erin Babnik e William Neill, solo per citarne alcuni. Usa il codice PETAPIXEL10 per uno sconto del 10% sull’abbonamento annuale.


Circa l’autore: Marc Koegel è un educatore, scrittore e direttore dei laboratori fotografici di Vancouver. I suoi paesaggi in bianco e nero a lunga esposizione, i nudi e le fotografie architettoniche sono stati ampiamente esposti e hanno vinto numerosi premi internazionali come IPA, PX3, Spider Awards ed Epson Pano Awards.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!