La tecnologia della fotocamera sotto il display di Xiaomi funge anche da fotocamera posteriore

La tecnologia della fotocamera sotto il display di Xiaomi funge anche da fotocamera posteriore

Andiamo in digitale

Xiaomi ha ottenuto un brevetto per sviluppare una fotocamera per smartphone sotto lo schermo in grado di ruotare e quindi fungere sia da selfie che da tradizionale fotocamera posteriore.

Fondata solo nel 2010, Xiaomi è un produttore cinese la cui linea di smartphone potrebbe essere la più conosciuta in occidente, ma che ha sviluppato molti altri prodotti innovativi, dagli orologi intelligenti agli scooter elettrici. Ma, più di recente, come riportato per la prima volta da Autorità Android e reso da Andiamo in digitale – una pubblicazione di dispositivi mobili che monitora i brevetti e progetta modelli per visualizzare tale proprietà intellettuale – l’azienda tecnologica ha ottenuto un brevetto dall’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale per sviluppare la sua idea di un “dispositivo terminale” che è una nuova interpretazione della fotocamera dello smartphone .

Questo brevetto, depositato nel febbraio 2020, descrive in dettaglio uno smartphone dotato di una fotocamera selfie sotto il display e, sebbene le fotocamere sotto il display non siano una tecnologia completamente nuova, il brevetto di Xiami è per una fotocamera che può ruotare con un cosiddetto modulo fotocamera a vibrazione .

Nel video qui sotto, Xiaomi mostra i suoi progressi nella tecnologia della fotocamera sotto lo schermo, che è stata sviluppata indipendentemente dal brevetto depositato ma fornisce alcune informazioni sulla storia dell’azienda nello spazio. Allo stesso modo, una fotocamera sotto il display è già stata mostrata da un’altra azienda tecnologica cinese, Oppo, che ha dimostrato per la prima volta il suo prototipo nel 2019, così come ZTE, che ha vinto la gara come prima azienda a lanciare uno smartphone disponibile in commercio con un display inferiore. fotocamera con il suo ZTE Axon 20 5G.

Andiamo in digitale spiega che per impostazione predefinita, la fotocamera dello smartphone “è rivolta verso la parte posteriore e fa parte di un sistema di fotocamere più grande, che consiste di diversi obiettivi”, ma nella dimostrazione visiva per l’idea di Xiaomi, di seguito, ruota solo l’obiettivo superiore, mostrato in arancione, mentre gli altri due rimangono com’erano. Visivamente, la disposizione della tripla fotocamera è simile a quella del più familiare iPhone 12.

Andiamo in digitale

L’utilizzo di un modulo di azionamento magnetico o motorizzato e di un processore rende possibile la rotazione della fotocamera interna, e quando l’utente attiva l’opzione selfie camera, la fotocamera interna si ribalta e una parte del display viene disabilitata per far passare la luce ambientale esso.

Let’s Go Digital spiega che i vantaggi di tale tecnologia consentirebbero una maggiore prevenzione di polvere e sporco e quindi aiuterebbero a impedire a materiali estranei di entrare in contatto con qualsiasi parte interna, il che è un problema con fotocamere come il brevetto Oppo depositato per il suo pop a doppia faccia. -up di sistema o anche l’Asus ZenFone 8.

Inoltre, una telecamera rotante riduce il numero di telecamere richieste nel progetto e non è necessario installare una telecamera frontale separata. Ad esempio, per gli utenti, un vantaggio potrebbe essere la possibilità di registrare due volte contemporaneamente su entrambe le fotocamere anteriore e posteriore.

Xiaomi deve ancora confermare pubblicamente lo sviluppo del brevetto rilasciato.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!