La guida definitiva ai Softbox: l’anatomia dei Light Shaping Tools

La guida definitiva ai Softbox: l’anatomia dei Light Shaping Tools

I softbox sono tra gli strumenti di modellazione della luce più popolari. Pochi fotografi non hanno mai scattato con i softbox e il più delle volte un softbox è un modificatore ideale per i principianti. In questo articolo, analizzerò l’anatomia di un softbox, dalla fisica alle possibili applicazioni per esso. Continua a leggere per diventare un maestro nell’uso dei softbox.

Che cos’è un Softbox?

In parole povere, un softbox è un modificatore di luce che ha la forma di una scatola e produce luce soffusa. I softbox sono disponibili in diverse forme, ognuna con una funzione distinta e le guarda. Ecco i più popolari:

Piazza

Un softbox quadrato produrrà una luce uniforme e morbida con bordi sfumati in ombra. Un ottimo uso per un softbox quadrato sarebbe per creare una luce morbida per finestre poiché un softbox ha la forma esattamente come uno. La forma quadrata significa che le ombre orizzontali e verticali avranno le stesse dimensioni.

Una differenza tra questo softbox e uno ottagonale sarebbero i riflettori. L’angolo acuto nel softbox produrrà punti luce molto più distinti rispetto a un softbox rotondo.

Rettangolare

Man mano che un lato diventa più piccolo e l’altro più grande, produrrà una diffusione della luce un po’ più stretta. La luce coprirà un’area più ampia da un lato mentre ne coprirà una più piccola dall’altro. Questa forma è molto popolare tra i fotografi di moda e ritratti perché permette di illuminare uno scatto a mezzo corpo senza disperdere troppo la luce sullo sfondo.

Una parola di cautela: questo softbox creerà bordi d’ombra più morbidi sul lato più grande mentre crea bordi più duri sul lato più piccolo. Tuttavia, se stai usando un softbox 4×6 per illuminare un ritratto che sarà appena percettibile, questo si vedrà prevalentemente quando usi un softbox più piccolo su lunghe distanze.

Striscia

Una scelta popolare per illuminare uno sfondo, questo softbox creerà una striscia di luce. Questo è un softbox stretto da un lato ed estremamente largo dall’altro. Per questo, creerà un bordo ombra graduato liscio sul lato più lungo e un bordo ombra sottile sull’altro.

Uno stripbox viene spesso utilizzato per gli scatti di tutto il corpo in quanto copre l’intero corpo da un lato mentre dà molta definizione e contrasto dall’altro. Un fotografo prudente sarà cauto nell’usare una lunga stripbox con un flash flat-end poiché c’è una differenza di 1-3 stop tra il centro e il bordo del modificatore.

Ottagonale

Un classico tra i softbox, il softbox ottagonale è preferito a quello quadrato per i riflettori tondi negli occhi. A tutti gli effetti, emana una luce molto simile, anche se leggermente più rotonda e più ampia, come un softbox quadrato di dimensioni simili.

Softbox profondo (falso parabolico)

Al giorno d’oggi è diventato molto popolare acquistare softbox profondi perché danno una luce insolita. Tuttavia, un softbox diretto profondo non è diverso da un octabox. Un softbox parabolico indiretto, d’altra parte, è molto utile ma non verrà discusso in questo articolo.

Accessori per un Softbox

Un softbox non è completo senza accessori, eccone alcuni comuni che puoi mettere sulla maggior parte dei softbox:

Griglia

Le griglie del softbox spesso sono di 50 gradi, il che significa che limitano la diffusione della luce che il softbox ha (spesso 180 gradi) a una molto più fine. Questo, tuttavia, rende la luce più difficile.

La luce soffusa è definita come una luce che colpisce il soggetto da una vasta famiglia di angolazioni che provoca la gradazione dei bordi dell’ombra. Poiché la griglia limita quella famiglia di angoli, la luce diventa leggermente più intensa. Spesso si consiglia di avvicinare il softbox per compensare ciò.

Stripmask

Le stripmask sono realizzate principalmente per stripbox. Rendono il bordo più fine e la fonte di luce più piccola (in una dimensione). Ciò può essere utile quando si cerca di creare riflessi fini o luce orizzontalmente dura ma verticalmente morbida. Un uso comune per una stripmask è nella fotografia automobilistica quando sono richieste luci lunghe ma fini.

Maschera rotonda

Una maschera rotonda, come suggerisce il nome, renderà il softbox perfettamente rotondo. Un altro modo per controllare l’aspetto dei riflessi del modificatore di luce, la maschera rotonda ha il suo uso nella fotografia di moda e di ritratto. L’uso di una maschera rotonda ridurrà il softbox e consentirà di ottenere lo stesso livello di morbidezza.

Altre maschere

Esistono anche maschere personalizzate per i softbox. Alcuni bloccheranno il centro, mentre altri possono essere personalizzati. In effetti, puoi creare le tue maschere softbox creando gobo personalizzati o utilizzando i flag. Il modo in cui mascheri il tuo softbox è solo una questione di immaginazione.

Come funziona un Softbox?

Il principio alla base di ogni softbox è che produce una luce che colpisce l’oggetto da un’ampia famiglia di angolazioni. Ciò si ottiene prendendo la sorgente luminosa puntiforme e riflettendola all’interno del modificatore prima attraverso il primo e poi il secondo diffusore.

Il ruolo del primo diffusore è quello di prendere i raggi speculari diretti e modificare gli angoli ai quali viaggiano. Tuttavia, con softbox particolarmente grandi, questo lascerà comunque un hotspot nel mezzo. Spesso la differenza tra il centro e il lato è di 2-3 stop. Questo è indesiderato, quindi è necessario un secondo livello.

Il secondo diffusore diffonde ulteriormente la luce, che produce un’illuminazione da angolo a angolo molto più uniforme. La distanza tra i due strati di diffusione è relativamente irrilevante, ma se hai voglia di diffondere ulteriormente la luce puoi sparare al softbox attraverso una tela posta a circa un metro dal softbox.

Possibili usi Possible

Non potrei elencare tutti gli usi per un softbox, in quanto è un modificatore molto versatile e popolare. Ecco alcuni luoghi e configurazioni comuni in cui un softbox sarà appropriato:

Fotografia di ritratto

Essendo una fonte di luce morbida e spesso di grandi dimensioni, un softbox è l’ideale per creare la luce dei ritratti. La morbida qualità della luce assicura che la grana della pelle appaia liscia, mentre le grandi dimensioni assicurano che la copertura sia sufficiente per un’illuminazione uniforme. Un softbox posizionato a 45 gradi rispetto al soggetto produrrà una classica luce da ritratto.

Capelli e trucco @karinajemelyjanova Styling @nagyemesestylist Modella @polgar_tunde_official Agenzia @silverchicmodels

Fotografia sportiva

Un softbox classico potrebbe non essere così utile qui, ma una scatola a strisce lo è. Sarà perfetto per illuminare verticalmente una foto di tutto il corpo di un atleta mantenendo la qualità incisiva della luce in orizzontale. La luce intensa farà risaltare i muscoli e altri dettagli del soggetto.

Fotografia automobilistica

La maggior parte delle auto ha lunghe linee che ne definiscono la forma. Far emergere quella forma con una lunga striscia di luce diretta sarà piacevole per lo spettatore in quanto mostra l’essenza del soggetto.

Fotografia del prodotto

Uno degli ingredienti più importanti per un’immagine di successo di un prodotto è una buona messa in evidenza e la gestione dei riflessi diretti. Un softbox sarà utile quando si tenta di creare punti salienti anche lineari. Un altro uso sarebbe come fonte di riempimento o come fonte di luce anche diffusa, ottima per far risaltare il colore nelle immagini.

Fotografia di moda

La fotografia di moda è un altro luogo comune per i softbox. Poiché produce una luce morbida e diffusa, è lusinghiero per i volti dei modelli, riducendo la quantità di ritocchi necessari. Inoltre, un softbox viene utilizzato per illuminare alcuni tessuti come quelli che producono riflessi diffusi (lana o cotone).

Modello @mirinkoli @tamcsii__
Agenzia @annelise_arieli @facemodelmanagementhungary
Trucco: @karinajemelyjanova
Ritocca @oi_retouch
Stile: @nagyemesestylist

Softbox consigliati

Puoi scegliere il tuo marchio del softbox, tuttavia, ti consiglio vivamente di scegliere un marchio di qualità come Elinchrom, Broncolor o Profoto. I loro modificatori sono durevoli e alla fine ne vale la pena.

Leggi anche: Ne vale la pena i modificatori di luce costosi?

Ecco alcune dimensioni che ti saranno utili per i tuoi allestimenti in studio:

Pensieri conclusivi

Scegliere il softbox giusto è difficile. Si spera che questa guida sia stata utile per mostrarti gli usi di ciascuno di essi. Personalmente, uso softbox qua e là ma non sono strumentali al mio lavoro. Lo stesso si può dire di ogni altro modificatore. Ciò che è cruciale è la conoscenza teorica e pratica della luce che paga un dividendo sotto forma di poter caricare di più.

Suggerisco caldamente di approfondire le tue conoscenze esplorando la luce usando solo un modificatore. Prendi un softbox che è più interessante per te e immergiti in profondità nell’esplorazione. Divertiti!




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!