Juno della NASA cattura foto ravvicinate della luna di Giove, Ganimede

Juno della NASA cattura foto ravvicinate della luna di Giove, Ganimede

La NASA ha condiviso le prime due immagini del sorvolo di Ganimede del 7 giugno 2021 di Giunone che mostra un terreno scuro e luminoso e lunghe caratteristiche strutturali probabilmente legate a faglie tettoniche sulla superficie della luna gigante di Giove.

Le immagini catturate dall’imager JunoCam dell’orbita di Giove e dalla sua fotocamera stellare Stellar Reference Unit hanno catturato immagini da “più vicino di quanto qualsiasi veicolo spaziale sia arrivato a questa gigantesca luna in una generazione”, afferma il ricercatore principale di Juno Scott Bolton. “Ci prenderemo del tempo prima di trarre conclusioni scientifiche, ma fino ad allora possiamo semplicemente meravigliarci di questa meraviglia celeste”.

Usando il suo filtro verde, l’imager a luce visibile JunoCam è stato in grado di catturare quasi tutto il lato della luna gigante. Presto, le immagini filtrate rosse e verdi saranno disponibili per il team di ricerca, a quel punto saranno in grado di fornire un ritratto a colori del Ganimede incrostato di ghiaccio d’acqua.

Il lato oscuro di Ganimede catturato dall’unità di riferimento stellare di Giunone

Oltre all’enorme immagine dettagliata del lato pieno della luna, la Stellar Reference Unit (una telecamera di navigazione che mantiene la navicella in rotta) è stata in grado di catturare un’immagine in bianco e nero del lato oscuro di Ganimede usando la luce riflessa da Giove.

“Le condizioni in cui abbiamo raccolto l’immagine del lato oscuro di Ganimede erano ideali per una fotocamera per condizioni di scarsa illuminazione come la nostra unità di riferimento stellare”, ha affermato Heidi Becker, responsabile del monitoraggio delle radiazioni di Juno al JPL. “Quindi questa è una parte diversa della superficie rispetto a quella vista da JunoCam alla luce diretta del sole. Sarà divertente vedere cosa riusciranno a mettere insieme le due squadre”.

La NASA spera che questo incontro con la luna fornirà approfondimenti sulla sua composizione, magnetosfera, ionosfera e guscio di ghiaccio, fornendo misurazioni sui livelli di radiazione che aiuteranno le future missioni nel sistema gioviano.

Con tre lame giganti che si estendono per circa 20 metri dal suo corpo cilindrico a sei lati, la NASA descrive la navicella spaziale Juno come una meraviglia ingegneristica dinamica, che ruota per mantenersi stabile mentre compie orbite di forma ovale attorno a Giove.

La navicella invierà più immagini dal suo sorvolo nei prossimi giorni con le immagini RAW rese disponibili al pubblico qui. Anche il percorso della navicella può essere seguito Qui.


Crediti immagine: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!