Inventor costruisce una fotocamera “terzo occhio” per proteggere i tossicodipendenti da smartphone

Inventor costruisce una fotocamera “terzo occhio” per proteggere i tossicodipendenti da smartphone

Il designer sudcoreano Paeng Minwook ha inventato una fotocamera frontale che ha lo scopo di criticare l’utente di smartphone moderno che trascorre una quantità eccessiva di tempo a guardare i propri telefoni e non a possibili ostacoli sul loro cammino.

Minwook chiama queste persone “Phono Sapiens” e si riferisce a loro come a una nuova specie umana nata dagli smartphone.

“Gli smartphone sono profondamente permeati nella vita delle persone moderne, il che ci ha reso difficile vivere senza di loro”, scrive in un post su Instagram che descrive la sua invenzione. “Questo è percepito negativamente, ma l’evoluzione a Phono Sapiens dell’umanità è innegabilmente una realtà. Quindi ho accettato il fatto che il corpo umano sia controllato dagli smartphone come un cambiamento positivo. Questo ci offre un’ampia prospettiva sul Phono sapiens incompiuto. Ci consente inoltre di prevedere e proporre una generazione completamente evoluta di Phono Sapiens.”

Si riferisce alla sua invenzione come alla “prima evoluzione” verso la fusione con gli smartphone.

“Non possiamo distogliere lo sguardo dai nostri smartphone mentre camminiamo. Ecco perché ci siamo evoluti per avere un terzo occhio. Questo occhio si muove separatamente dal resto degli occhi e si apre quando i nostri occhi precedenti guardano lo smartphone”, continua Minwook.

Il Terzo Occhio è chiaramente una satira e l’obiettivo principale di Minwook è richiamare l’attenzione su un comportamento che trova inquietante.

“Questo progetto non è solo un design di prodotto comune, ma più di un design ironico o critico. Attraverso “The Third Eye”, spero che le persone possano criticare i nostri comportamenti e ripensare a noi stessi evolvendo in Phono Sapiens piuttosto che risolvere i problemi che incontriamo nel presente.

Minwook era particolarmente dedicato al Terzo Occhio come dispositivo funzionale nonostante l’intento di essere una critica della società più che un prodotto reale, tanto che ha trascorso circa sei settimane a lavorare sul prototipo visto nel video qui sopra e sul suo Instagram .

È dotato di un sensore che misura l’angolo del dispositivo ed è fissato alla parte posteriore della testa. Quel sensore è in grado di rilevare quando la testa di chi lo indossa è inclinata verso il basso e aprirà la palpebra del terzo occhio e consentirà al sensore ultrasonico nell'”occhio” di rilevare gli ostacoli davanti all’utente e informerà chi lo indossa con un cicalino.

Una satira intelligente può aiutare a suscitare un cambiamento positivo nella società, ma resta da vedere se questo finirà per essere il caso qui: gli smartphone attirano davvero l’attenzione delle persone in un modo da cui è difficile staccarsi. Puoi vedere altri lavori di Minwook sul suo Instagram.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!