Instagram utilizza la notifica iOS per convincerti ad accettare il monitoraggio delle app

Instagram utilizza la notifica iOS per convincerti ad accettare il monitoraggio delle app

Facebook e Instagram sono stati apertamente contrari a qualsiasi tentativo di limitare le sue app dal tracciamento degli utenti, ma con il lancio di iOS 14.5, la società ha fatto un passo in avanti minacciando sottilmente di addebitare ai suoi utenti l’accesso alle sue reti se scelgono di girare monitoraggio delle app disattivato.

Una parte importante del modello di business di Facebook e Instagram è la pubblicità intelligente, che guadagna quella “intelligenza” monitorando ciò a cui i suoi utenti sono interessati. Se hai mai notato che ricevi pubblicità su Facebook a causa di qualcosa che stavi navigando durante una spesa sito, ecco perché. Tuttavia, l’ultimo aggiornamento di Apple a iOS ha nuovi requisiti di attivazione per gli utenti che chiedono agli sviluppatori di ottenere il consenso esplicito dai proprietari dei dispositivi prima di consentire la raccolta e la condivisione del loro Identifier for Advertisers (IDFA) tra le app. Se un utente rifiutasse di partecipare, gli annunci perderebbero la capacità di tracciare un utente e fornire pubblicità mirata.

Secondo The Verge, gli sviluppatori di app sono ancora in grado di utilizzare altre informazioni fornite da un utente per pubblicità mirata anche se rinunciano a lasciare che l’app tenga traccia delle loro abitudini di navigazione su diverse app, ma tali informazioni sono limitate e non possono essere condivise con un’altra azienda per la pubblicità monitoraggio.

In breve, questo aggiornamento è un vantaggio per la privacy ma è estremamente dannoso per il modello di business di Facebook. Gli annunci di Facebook hanno successo perché possono indirizzare in modo molto specifico gli utenti che sono già interessati a quei prodotti, il che migliora notevolmente la probabilità che qualcuno effettui un acquisto. Senza questi dati di tracciamento, gli annunci di Facebook diventeranno ciechi, il che molto probabilmente si tradurrà in annunci che hanno notevolmente ridotto le prestazioni.

The Verge rileva inoltre che se uno sviluppatore cerca di aggirare il requisito di partecipazione o tenta di sostituire l’IDFA con un’altra informazione di identificazione, l’app verrà considerata una violazione delle politiche di Apple.

Poiché ciò danneggerebbe così tanto l’azienda, non sorprende che Facebook abbia iniziato a condurre una campagna contro la funzionalità. Si era già espresso contro di esso prima del lancio di iOS 14.5, ma qualsiasi utente che esegua l’aggiornamento al nuovo sistema operativo e apra Facebook o Instagram verrà accolto con l’avviso di seguito:

Facebook e Instagram stanno essenzialmente minacciando gli utenti di aspettarsi di dover pagare per l’accesso alla sua piattaforma se troppe persone scelgono di bloccare il monitoraggio degli annunci. Facebook si riferisce a questi avvisi come “schermate di istruzione” in cui fornisce “maggiori dettagli su come utilizziamo i dati per gli annunci personalizzati”, secondo il post sul blog di Dan Levy, vice presidente di Facebook per gli annunci e i prodotti aziendali. L’azienda ha anche pubblicato un blog dettagliato in cui inquadra la sua posizione come “parlare per le piccole imprese”.

Non è chiaro se le piattaforme di Facebook o Instagram sarebbero in grado di addebitare con successo l’accesso.

“Apple ha ogni incentivo a utilizzare la sua posizione dominante sulla piattaforma per interferire con il funzionamento delle nostre app e di altre app, cosa che fa regolarmente per preferire la propria”, ha detto Zuckerberg nella chiamata sugli utili di gennaio di Facebook. “Ciò influisce sulla crescita di milioni di aziende in tutto il mondo, anche con le imminenti modifiche a iOS 14”.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!