In memoriam: le grandi invenzioni di smartphone di LG

Oggi abbiamo avuto la cattiva notizia che LG uscirà dal business della telefonia mobile, quindi abbiamo voluto guardare indietro a tutte le innovazioni che l’azienda ha portato nel corso degli anni come ringraziamento per tutto il suo duro lavoro.

LG non ha sempre ottenuto il riconoscimento che meritava. Ad esempio, l’LG KE850 Prada è stato annunciato nel dicembre 2006: è stato il primo telefono con un touchscreen capacitivo e un’interfaccia utente all-touch. Certo, a gennaio Apple ha svelato il suo primo iPhone, che ha rubato i riflettori a Prada. Oggi tutti indicano l’iPhone come l’inizio della rivoluzione del touchscreen, mentre il contributo di LG è in gran parte dimenticato.

Un'elegante interfaccia monocromatica
Un'elegante interfaccia monocromatica
Un'elegante interfaccia monocromatica

L’LG KE850 Prada aveva un’elegante interfaccia monocromatica

A metà del 2007 l’azienda ha presentato l’LG KU990 Viewty, il primo smartphone a registrare video al rallentatore. Potrebbe catturare clip a 320p a 120 fps, il che comporta un rallentamento di 4x (sotto puoi vedere una clip che abbiamo girato più di dieci anni fa). Le innovazioni di LG si sono spesso concentrate sulla fotocamera. Ha introdotto il primo telefono in grado di registrare video FullHD, ovvero 1080p, ovvero l’LG Optimus 2X del 2011.

Nello stesso anno ha lanciato anche uno dei primi telefoni con una doppia fotocamera, l’LG Optimus 3D. La moda del 3D è scomparsa abbastanza rapidamente ei produttori sono tornati alle configurazioni con una sola telecamera.

L'LG Optimus 3D è stato uno dei primi telefoni con una doppia fotocamera
L'LG Optimus 3D è stato uno dei primi telefoni con una doppia fotocamera
L'interfaccia utente della fotocamera in modalità 3D

L’LG Optimus 3D è stato uno dei primi telefoni con una doppia fotocamera

La situazione è cambiata nel 2016 quando è stato introdotto l’LG G5: aveva la prima doppia fotocamera utile con una cam principale da 16 MP (75º FoV) e una fotocamera ultra grandangolare da 8MP (con un sorprendentemente ampio 135º FoV). Oggigiorno anche i telefoni entry-level sono dotati di un obiettivo ultrawide.

Recensione LG G5

Lo spirito avventuroso di LG si estendeva anche oltre la fotocamera. Torniamo all’Optimus 2X: merita una dose di attenzione in quanto è stato il primo smartphone con processore dual-core. È persino entrato nel Guinness dei primati.

L'LG Optimus 2X è stato il primo telefono con un processore dual-coreL’LG Optimus 2X è stato il primo telefono con un processore dual-core

L’LG Optimus 4X HD ha mancato di essere il primo telefono quad-core di un mese. Tuttavia, l’LG Optimus G (2012) è stato il primo telefono ampiamente disponibile a presentare l’allora nuovo chipset Snapdragon S4 Pro di Qualcomm. I sequel di Optimus G si sono ramificati per diventare la nuova linea di punta di LG, che include il G5 sopra menzionato e l’LG G3, uno dei primi con un display a 1440p (non il primo, ma il primo ad essere disponibile a livello globale).

Invenzioni LG

L’azienda era spesso in anticipo sui tempi anche con i suoi progetti. L’LG BL40 New Chocolate (dal 2009) è stato il primo telefono ad avere uno schermo con un rapporto di aspetto 21: 9 ultra-ampio. All’epoca era ridicolizzato il fatto di guardare la linea di un telecomando, ma i display ultra larghi sono la norma ora.

LG BL40 New Chocolate Chocolate
LG BL40 New Chocolate Chocolate
LG BL40 New Chocolate Chocolate
LG BL40 New Chocolate Chocolate

L’LG BL40 New Chocolate aveva il primo display 21: 9 su un telefono

L’LG G5 potrebbe essere stato il primo telefono Android modulare, un raro esempio, dopo che il progetto Ara di Google si è rivelato vaporware. Il sistema Magic Slot è stato implementato male (controlla la nostra recensione dei componenti aggiuntivi per ulteriori informazioni), ma almeno LG non ha avuto paura di provare qualcosa di nuovo.

Componenti modulari di LG G5: Cam Plus
Componenti modulari di LG G5: Cam Plus
Componenti modulari di LG G5: Hi-Fi Plus (di Bang & Olufsen)
Componenti modulari di LG G5: Hi-Fi Plus (di Bang & Olufsen)

Componenti modulari di LG G5: Cam Plus • Hi-Fi Plus (di Bang & Olufsen)

Il Nexus 4 era basato sull’Optimus G di cui abbiamo parlato prima. Per molti versi è stato il primo killer di punta: quando è uscito alla fine del 2012, costava solo $ 300 / € 300, ma aveva il chipset Snapdragon S4 Pro di punta. Tieni presente che un Oppo Find 5 con lo stesso chip costava $ 500 all’epoca. Potresti anche avere l’S4 Pro nella versione AT&T del Galaxy S III, ma era di $ 200 solo per l’acconto. Anche il Nokia Lumia 920 non amato costava $ 450 senza SIM.

Ad ogni modo, il Nexus 4 è stato anche il primo Android a supportare la ricarica wireless Qi, che è ancora una volta considerata uno standard su uno smartphone moderno. A proposito, il Nexus è il “primo Android” con Qi perché il Lumia 920 lo ha battuto sul mercato di meno di due settimane.

Il Nexus 4 prodotto da LG è stato il primo Android a supportare la ricarica wireless QiIl Nexus 4 prodotto da LG è stato il primo Android a supportare la ricarica wireless Qi

LG ha fatto breccia anche con gli audiofili, molti dei quali adoravano il Quad DAC che ha fatto il suo debutto con l’LG V20. Anche gli stretti legami dell’azienda con Google hanno dato i loro frutti, il V20 è stato il primo telefono a uscire con Android 7.0 Nougat. E chi può dimenticare il display della linea stravagante sopra il display principale: non era una tacca in quanto tale, ma un design insolito lo stesso (è stato introdotto con il V10 l’anno prima). LG afferma inoltre che il V20 è stato il primo telefono a sfruttare la stabilizzazione video digitale di Qualcomm, che ha migliorato la stabilizzazione ottica dell’immagine hardware.

L'LG V20 presentava un'uscita audio di alta qualità grazie al Quad DAC
Il display della riga secondaria

L’LG V20 presentava un’uscita audio di alta qualità grazie al Quad DAC • Il display della riga secondaria

L’LG G Flex è stato il primo telefono flessibile al mondo, grazie al display P-OLED e all’esclusiva batteria LiPo, entrambi i primi nel loro genere e sviluppati internamente da LG. Il G Flex presentava anche un esclusivo rivestimento autorigenerante sul retro: i graffi “guarivano” da soli.

Certo, la flessione era minima (non era certamente un telefono pieghevole), ma l’innovazione di LG nei componenti degli smartphone ha aiutato anche altri marchi a costruire dispositivi migliori. Ad esempio, LG ha realizzato la batteria a forma di L per gli iPhone 2018 e potrebbe sviluppare un display pieghevole per Apple.

L'LG G Flex è stato il primo telefono flessibile
L'LG G Flex è stato il primo telefono flessibile
Il design divertente della scatola al dettaglio LG G Flex
L'LG G Flex è stato il primo telefono flessibile

L’LG G Flex è stato il primo telefono flessibile

Non sappiamo perché LG non sia mai riuscita a capitalizzare le sue innovazioni, ha creato alcuni dei telefoni più interessanti nel corso degli anni. Chiaramente, LG non ha mai capito il motivo. Ci mancherà lo spirito innovativo dell’azienda e il suo pensiero fuori dagli schemi. Ora speriamo che li applichi a progetti avventurosi per i molti altri tipi di gadget elettronici che produce.




Iscriviti nel Gruppo Telegram Tutti i Gruppi per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!