Confronto tra teleobiettivi Fujinon XF 100-400 mm e XF 70-300 mm

Confronto tra teleobiettivi Fujinon XF 100-400 mm e XF 70-300 mm

Quando ho creato il mio video della prima impressione dell’obiettivo Fujinon XF 70-300mm f/4.0-5.6 R LM OIS WR, ho ricevuto molte domande su come si confrontasse con l’XF 100-400mm f/4.5-5.6 R LM OIS WR.

All’epoca non ero in grado di rispondere a queste domande poiché non avevo accesso al 100-400. Ma ora posso.

I bravi ragazzi di Fujifilm USA mi hanno prestato un obiettivo XF 100-400mm f/4.5-5.6 R LM OIS da utilizzare per circa trenta giorni. Questa non è una recensione sponsorizzata e Fujifilm non ha ricevuto alcun input o visto questa recensione fino alla pubblicazione. Inoltre, l’XF 70-300mm è stato acquistato da me.

La prima cosa che si nota dell’XF 100-400mm è la dimensione: è grande. Molto largo. E pesante. Molto pesante. A tutte quelle persone sui vari gruppi Facebook Fujifilm che si lamentano delle dimensioni e del peso dell’XF 18-55mm f/2.8-4.0, passate circa due minuti con questo obiettivo e godetevi nuovamente le dimensioni compatte e il peso leggero dell’XF 18-55mm .

Mentre l’XF 100-400 mm è “solo” tre pollici più lungo (8,3 contro 5,2) e 1,7 libbre (3,0 contro 1,3) rispetto all’XF 70-300 mm, queste differenze dimensionali hanno diverse implicazioni pratiche per l’utilizzo dell’obiettivo.

Innanzitutto, il trasporto di questo obiettivo richiede una grande borsa fotografica. Non si adatta alla maggior parte delle borse più piccole, come tracolle o borse a tracolla, a meno che l’XF 100-400 mm non sia l’unico oggetto che ci metti dentro. In secondo luogo, l’utilizzo di un treppiede con l’XF 100-400 mm richiede un treppiede in grado di gestire il peso e la distribuzione di tale peso su un obiettivo relativamente grande. Nella mia esperienza, ho notato un po’ di deriva sulla testa a sfera dopo averla bloccata quando l’obiettivo era puntato a qualsiasi angolazione tranne che a livello. Questo stesso treppiede, un Benro TSL08AN00, non ha avuto alcuna deriva durante il supporto dell’XF 70-300 mm a tutti gli angoli. Infine, impugnare questo obiettivo è un vero esercizio. Sui corpi Fujifilm X-Series relativamente piccoli, questo obiettivo è molto pesante e viene utilizzato al meglio con una piastra a L o un battery grip che fornisce più area di presa per stabilità e controllo.

Un fattore importante da considerare con l’XF 100-400 mm e l’XF 70-300 mm con la massima portata del teleobiettivo è la tecnica di presa della fotocamera. A 300 mm e 400 mm, ogni dettaglio viene ingrandito e lo sarà anche qualsiasi movimento della fotocamera. Sebbene entrambi gli obiettivi abbiano eccellenti sistemi di stabilizzazione ottica dell’immagine e sono stato in grado di creare foto nitide a 1/125 di secondo mentre sono tenuto in mano con entrambi gli obiettivi, ho anche capito che ho bisogno di più pratica per creare foto a quelle lunghezze focali.

Entrambi gli obiettivi hanno un’eccellente velocità di messa a fuoco automatica e qualità dell’immagine. Sembra che l’XF 70-300 mm sia leggermente più veloce da mettere a fuoco rispetto all’XF 100-400 mm, il che ha senso in quanto non ha tanto peso negli elementi dell’obiettivo da spostare. Alle loro lunghezze focali più elevate, entrambi gli obiettivi possono avere difficoltà con soggetti relativamente piccoli che si trovano a una distanza di sette o tre metri.

La qualità dell’immagine per entrambi gli obiettivi era eccellente per i miei occhi e per i miei casi d’uso. Entrambi gli obiettivi hanno una leggera sfrangiatura blu attorno alle aree ad alto contrasto su sfondi chiari, che possono essere facilmente corretti con il software. Entrambi gli obiettivi hanno una sfocatura dello sfondo con un po’ di “personalità” – in altre parole, il bokeh non è molto fluido e può avere un leggero aspetto di movimento.

Una stranezza che ho notato con la mia copia in prestito dell’XF 100-400 mm era che i dati EXIF ​​visualizzati in Lightroom Classic per la lunghezza focale mostravano 386 mm quando impostati sul segno di 400 mm sull’obiettivo.

Ho anche usato entrambi gli obiettivi con il teleconvertitore Fujinon XF 2X TC WR. Quando si utilizzano lunghezze focali prossime a 600 e 800 mm, c’è poco spazio per errori tecnici di messa a fuoco, movimento della fotocamera e inquadratura del soggetto. Sono stato sopraffatto dai miei risultati, ma penso che sia più un risultato della mia mancanza di esperienza con le tecniche di creazione di foto a quelle lunghezze focali estreme che un problema con la qualità del 2X TC. Di seguito ho incluso alcune foto di esempio che mostrano le prestazioni di ciascun obiettivo con il 2X TC. Queste foto di esempio sono state tutte scattate utilizzando un treppiede, con l’OIS disattivato sull’XF 100-400 mm.

Quale lente vince? La scelta dell’obiettivo è sempre molto personale e dipende molto dalle preferenze di ciascun fotografo. Non fotografo molti animali selvatici o sport. Fotografo alcuni paesaggi, ma la maggior parte della mia fotografia riguarda soggetti che sono relativamente vicini, o almeno non richiedono spesso una portata estrema del teleobiettivo.

Quindi, per me, il vincitore è il Fujinon XF 70-300mm f/4-5.6 R LM OIS WR. Copre la maggior parte della gamma di teleobiettivi dell’XF 100-400 mm con una straordinaria qualità dell’immagine e prestazioni di messa a fuoco automatica senza peso e dimensioni. Inoltre, a meno della metà del prezzo, l’XF 70-300 mm è un ottimo rapporto qualità-prezzo. Aggiungi la distanza minima di messa a fuoco relativamente ravvicinata con un elevato ingrandimento dell’immagine e il mio amore per i primi piani minimi, ed è una combinazione difficile da battere per me. Nei tre mesi in cui ho avuto questo obiettivo, è diventato rapidamente parte della mia scelta di attrezzatura nella maggior parte delle situazioni fotografiche.

Ho caricato alcune altre immagini di esempio da entrambi gli obiettivi qui.


Circa l’autore: Michael Sladek insegna fotografia digitale all’Highline College vicino a Seattle, Washington. Gli piacciono le battute di papà, le ciambelle e aiuta gli altri a scoprire il divertimento di creare foto che amano. Rimani in contatto con Michael sul suo sito web, canale YouTube e Instagram.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!