Come pianificare le foto della Via Lattea

Come pianificare le foto della Via Lattea

Pianifica il tuo lavoro e lavora secondo il tuo piano. Questo è quello che… qualcuno di importante una volta mi ha detto? Ad ogni modo, secondo me, pianificare i tuoi scatti della Via Lattea è assolutamente uno dei modi migliori per aumentare le probabilità di sparare colpi di scena.

Aloha! Mi chiamo Daniel Stein e sono un fotografo di paesaggi notturni con sede nel New Jersey.

In questo articolo parlerò di come leggere il tempo, le fasi lunari, le mappe dell’inquinamento luminoso e, naturalmente, i tempi del nucleo della Via Lattea. Mentre ho toccato questi elementi nel mio tutorial sulla fotografia 101 della Via Lattea, approfondirò ulteriormente questo articolo in modo che tu possa davvero inchiodarlo. Non temere anche se giovane cittadino, tutto qui è super facile da seguire.

Di cosa hai bisogno per fare il Wow?

Vuoi sentire qualcosa di interessante? Praticamente tutti gli strumenti che sto per descrivere sono gratuiti, con poche eccezioni a seconda dei casi d’uso. Analizziamo uno per uno cosa uso per pianificare e per cosa viene utilizzato ogni strumento.

  • Servizio Meteorologico Nazionale. Questo sito web gratuito è il modo più accurato per determinare se il tempo sarà buono nella tua località di interesse.
  • Astrosferico. Questa pratica app gratuita per web e telefono è super utile per determinare quanto sarà effettivamente “libero” il cielo. Più su quello più tardi.
  • Gaia GPS. Questa fonte gratuita è ottima sia per gli escursionisti che per i viaggiatori con lo zaino. Facoltativo se non ti piacciono le escursioni, ma se è probabile che lo possiedi già. Nota: per utilizzare le funzionalità offline avrai bisogno di un abbonamento a pagamento.
  • La mappa dell’inquinamento luminoso. Come probabilmente già saprai, questo sito Web gratuito è il modo migliore per capire dove sono i cieli bui vicino a te.
  • Planit Pro e PhotoPills. Questi strumenti a pagamento sono essenziali. Non mi piace dire alle persone di spendere il loro moolah, ma come vedrai $ 10 fa molto. Ogni strumento ha i suoi pro e contro e questo tutorial è compatibile con entrambi. O uno funziona, determinare quale è per te alla fine dipenderà da quale interfaccia pensi che ti piacerà!
  • Google Maps. Ultimo ma certamente non meno importante, questo è molto utile per determinare dove vuoi andare. Le viste di Street & 360 sono fondamentali, in questo modo puoi determinare il tuo paesaggio prima ancora di arrivarci. Questo è fondamentale per la pianificazione.

Nota: Non sono in alcun modo affiliato né sponsorizzato da nessuno dei siti Web e degli strumenti sopra menzionati.

Doppia nota: Per le persone internazionali che leggono questo, è probabile che il tuo paese abbia un servizio simile al NWS. Molto probabilmente questa sarà la soluzione migliore anche per il tempo.

Cosa faccio con queste cose? Questo è già molto?

Non preoccuparti, li analizzeremo uno per uno. Ho uno schema di pensiero molto lineare, quindi li esamineremo nell’ordine in cui li uso.

Per prima cosa, determina l’oscurità

La prima cosa che mi piace fare quando si tratta di pianificare il mio scatto è determinare SE sarà abbastanza buio. Voglio dire, dai, ha senso vero? Perché perdere tempo a capire tutte le altre sciocchezze se il cielo sarà troppo inquinato dalla luce?

Quindi, attiva semplicemente la mappa dell’inquinamento luminoso. Ora, se non hai già familiarità con la codifica a colori utilizzata da questa mappa, lascia che ti spieghi molto velocemente…

Questa mappa usa qualcosa chiamato la scala di Bortle. In sostanza, i colori più luminosi e più caldi rappresentano PI inquinamento luminoso con il bianco che è il più luminoso, mentre i colori più freddi e più scuri rappresentano meno inquinamento luminoso. Ecco un grafico che ho realizzato che è correlato a questa scala:

Per fotografare la nostra galassia, ti consigliamo di scattare per una Bortle Zone 4 o superiore. Più il cielo è scuro, più potente sarà la Via Lattea. Questo è un ottimo punto di partenza per determinare una posizione in cui vuoi scattare.

Ecco qualcosa che devi considerare: non solo l’inquinamento luminoso nel punto in cui stai riprendendo dalla materia, ma anche la direzione verso cui stai guardando. Se stai guardando verso un nucleo che sorge nel cuore di una grande città, catturerai molto inquinamento luminoso all’orizzonte in quella direzione.

Quando vedere il nucleo?

La visibilità del nucleo della Via Lattea non è costante da una notte all’altra. Piuttosto, è determinato da questi fattori:

  • Periodo dell’anno
  • Latitudine
  • Fase lunare
  • La direzione che stai affrontando (che tipo di periodo dell’anno – più su quello sotto)

Li analizzerò di seguito.

Periodo dell’anno e direzione

Come discusso brevemente nel mio articolo sulle basi della Via Lattea, il nucleo si alza e tramonta in tempi e direzioni diversi durante l’anno. Ecco alcuni esempi:

Durante la “stagione del nucleo iniziale” come marzo, il nucleo si alzerà molto presto al mattino, verso le 03:00 verso sud-est.

All’inizio della stagione principale

Durante la “media stagione di punta” come luglio, il nucleo può essere visto sorgere una volta che la notte oscura è iniziata verso le 23:00 verso sud.

Media alta stagione

Durante la “tarda stagione” come settembre, il nucleo può essere visto tramontare verso sud-ovest subito dopo il tramonto verso le 21:00.

Tarda stagione

Nota che questi orari e indicazioni varieranno leggermente in base al tuo latitudine.

Oh guarda, Latitudine

Che cos’è la latitudine? Sembra complicato. La latitudine è la misura della tua posizione rispetto ai poli della Terra. Poiché, che ci crediate o no, la Terra è davvero una sfera, pensate a un cerchio. A metà di un cerchio c’è 180º di rotazione. La latitudine inizia a -90º e si estende fino a 90º. Ecco qua, 180º di rotazione.

Se ti trovi a -90º, saresti al polo sud. Se ti trovi a 0º, saresti al punto morto all’equatore. Allo stesso modo a 90º, saresti direttamente sotto il Polo Nord con quel tizio che indossa sempre giacche rosse soffici.

Possiamo applicare questo per trovare la Via Lattea comprendendo che la latitudine a cui prevedi di scattare influenzerà la quantità di notte buia con cui devi effettivamente lavorare. Pensa a come c’è un solstizio d’estate e un solstizio d’inverno e come influenzano le ore diurne. Durante il solstizio d’estate nell’emisfero settentrionale le giornate sono lunghe ma le notti sono brevi. Questo alla fine limiterà la finestra di tempo che puoi sparare, così come il nostro amico rock, la luna!

Questo è un grosso problema ed è facile capire perché! La Luna agisce come un grande e vecchio secchio di luce nel cielo che cancellerà il cielo durante una luna piena, ma rivelerà completamente anche il più debole dettaglio della nebulosa durante una luna nuova.

Cos’è esattamente New Moon allora? Ebbene no, la Luna non è letteralmente nuova, ma piuttosto lo è la sua fase. La fase della Luna Nuova è quando la posizione della Luna è tra la Terra e il Sole. Pertanto, il lato luminoso della Luna è rivolto lontano da noi, essenzialmente rende la Luna invisibile per noi. Full Moon è, ovviamente, l’opposto.

La Luna passa da Luna Nuova a Luna Piena nel corso di 14 giorni. Questo è chiamato ceretta. Mentre passa dalla Luna Piena di nuovo alla Luna Nuova, è quindi calante. La Luna sorge ad Est e tramonta ad Ovest ogni notte, proprio come il Sole. Una volta comprese queste fasi lunari, possiamo quindi applicarle al nostro tempismo centrale che abbiamo imparato sopra e quindi realizzare che non è sempre necessario essere Luna Nuova per sparare al nucleo della Via Lattea!

In questo scatto, ad esempio, ho catturato un’impostazione di Luna Crescente Crescente all’orizzonte:

Ciò significa che, nonostante la fase lunare non fosse nuova, sarebbe comunque arrivato in tempo per me per girare il nucleo della Via Lattea poco dopo.

Utilizzo delle app

A questo punto, puoi utilizzare le informazioni di cui sopra direttamente in un’app come PhotoPills o Planit. Ciò ti consentirà di creare un piano specifico per uno scatto specifico, fino al tempo di azione e alla lunghezza focale. In questo modo, puoi visualizzare il tuo scatto prima di arrivarci, riducendo così la possibilità di guardare nella direzione sbagliata o di essere lì quando la luna è troppo luminosa. Ecco perché la pianificazione è fondamentale. Perché arrivare in un luogo solo per trovare lo scatto è impossibile. Pianifica, pianifica e pianifica ancora.

Mettere insieme tutto il Wow

Quindi ora sai come cronometrare il nucleo della Via Lattea, applichiamolo a come userei questi strumenti per pianificare uno scatto.

1. Controlla la mappa dell’inquinamento luminoso per trovare il tuo posto.

Puoi effettivamente farlo direttamente in Planit o Astrospheric, il che è super utile!

2. Rimpicciolisci la mappa per determinare l’ambiente circostante. Quanto inquinamento luminoso ci sarà all’orizzonte? Nel mio esempio, ce ne saranno sicuramente.

3. Usa Google Maps per capire come appare il tuo scatto.

Se sei fortunato, forse puoi far cadere quel tizio per determinare che c’è una strada o una vista a 360º che qualcuno ha preso della tua posizione, quindi capire come appare il tuo paesaggio. Fai questo fianco a fianco con Photopills o Planit per capire le diverse caratteristiche e come potrebbe essere il tuo scatto. Collega la lunghezza focale e scopri se vuoi scattare grandangolo o teleobiettivo.

4. Queste app hanno il calcolatore NPF integrato, quindi se non stai scattando con un tracker, puoi calcolare facilmente la velocità dell’otturatore in base alla fotocamera e alla lunghezza focale!

5. Determina quando vuoi sparare. In che periodo dell’anno vai? E di conseguenza, in quale direzione si alzerà e si trascinerà il Nucleo?

In che modo l’inquinamento luminoso all’orizzonte viene influenzato da questo?

6. Guarda la fase lunare! A che ora sorge e tramonta?

Il Nucleo sarà visibile prima o dopo il sorgere o il tramonto della Luna? Nel mio esempio, sembra che la Luna tramonti alle 00:09, mentre il Nucleo sarà già sorto. Questo significa che avrei il resto della notte per girare! weeeee.

7. Ok, ora sappiamo che il tempismo funziona, ma che ne dici di come arrivarci? Torna a Google Maps per un secondo qui. Se il tuo scatto è accessibile in auto, legalmente, nessun problema. Ma se farai un’escursione, è qui che un’app come Gaia GPS sarà fondamentale per la pianificazione.

Non entrerò troppo in profondità nelle basi dell’escursionismo e nell’etichetta qui in quanto questo è un intero post da solo, ma indipendentemente da dove scegli di andare, per favore non lasciare traccia!

8. Siamo così vicini! Ora tocca a Mama Nature determinare se il nostro piano può prendere vita. Allora, controlliamo il tempo.

Nota che questo in realtà non diventa accurato fino a forse pochi giorni, forse anche il giorno di. Digita la tua posizione nel sito NWS. Guarda cosa stanno facendo le nuvole e non dimenticare di controllare la velocità del vento! Se c’è troppo vento, potrebbe essere troppo difficile montare un treppiede e ottenere buone esposizioni.

9. Usa la previsione come un’opportunità per essere preparato. Che vestiti devi portare? Quanti strati, ecc…

10. Un ultimo passaggio spesso trascurato è determinare quanto sarà effettivamente limpido il cielo oltre la semplice copertura nuvolosa. Astrospheric brilla in questo. Puoi usare i livelli della mappa per determinare la trasparenza del cielo, così come se c’è fumo o foschia nella tua zona.

Più il cielo è limpido, più succoso è lo scatto.

11. È ora. Andiamo. Hai lavorato sodo per questo scatto. Fa in modo che succeda.

Allora, quali sono gli scatti voi pianificheremo quest’anno?


Circa l’autore: Daniel J. Stein è un appassionato fotografo di paesaggi notturni che lavora a tempo pieno nel New Jersey nell’impresa di lavori idraulici della sua famiglia. Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente quelle dell’autore. Puoi trovare altri lavori di Stein sul suo sito Web e su Instagram. Anche questo articolo è stato pubblicato qui.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!