Come insegnare a te stesso a vedere i momenti “segreti” delle foto che mancano agli altri

Come insegnare a te stesso a vedere i momenti “segreti” delle foto che mancano agli altri

I fotografi a volte si chiederanno perché qualcuno in piedi accanto a loro possa trovare la fotografia perfetta, ma si chiedono come l’hanno vista all’inizio. Questo breve video di nove minuti spiega come imparare a vedere quei momenti “segreti” che possono essere facilmente persi.

Alex Kilbee, fotografo britannico e creatore di contenuti attraverso il suo canale YouTube “The Photographic Eye”, ha lavorato come professionista nel settore per circa trent’anni. In un recente video, ha condiviso modi che possono aiutare i fotografi di tutti i livelli a sbloccare la capacità di vedere e catturare fotografie intorno a loro.

Il primo consiglio di Kilbee è quello di iniziare la “ricerca” che a sua volta sviluppa il nostro modo di vedere. Quest’ultimo è un argomento di cui si parla spesso, tuttavia, Kilbee osserva che se un fotografo non è fisicamente là fuori, è impossibile “vedere”, figuriamoci realizzare uno scatto. Dice che se i fotografi hanno scaffali pieni di attrezzature all’avanguardia o sono esperti nelle tecniche fotografiche, alla fine della giornata non importa perché una grande immagine può essere ottenuta solo se il fotografo è disposto a uscire e cercare esso.

Di Alevision.co su Unsplash

Kilbee aggiunge che quello che è un soggetto eccitante per alcuni, potrebbe non esserlo per altri, e consiglia invece ai fotografi di cercare soggetti che li attraggano in modo specifico. Inoltre, esorta le opinioni ad essere aperte a immagini spontanee lungo il percorso, invece di uscire con un’immagine particolare in mente. Questo cambiamento di mentalità può portare a fotografie che emozionano, indipendentemente dal soggetto.

Quando si tratta di come i fotografi ricordano determinati momenti durante i quali sono state scattate le fotografie, Kilbee afferma che spesso possono lasciarli delusi quando in seguito rivedono i risultati. I sensi umani, come i suoni, i rumori, il calore del sole sulla pelle, fanno parte dell’esperienza ma non si trasferiscono automaticamente all’immagine. I fotografi non dovrebbero fare affidamento su questi per portare il momento e invece dovrebbero bloccarli per essere lasciati solo con gli elementi visivi della scena.

Di Ray Hennessy su Unsplash

Quando si tratta della composizione, Kilbee consiglia ai fotografi di abbandonare l’inquadratura più tradizionale in cui l’intero soggetto è visibile e di concentrarsi maggiormente sui frammenti di una scena. Fotografare parti di cose o anche persone può aiutare a sviluppare il modo di vedere il mondo di un fotografo in un modo unico che a sua volta porta a composizioni potenti. In questo caso, l’esclusione di elementi è importante quanto la scelta di ciò che è incluso.

Fotografare l’intera scena, d’altra parte, porta un’altra serie di complessità. Kilbee osserva che in questa situazione il soggetto porta il peso della scena e il fotografo deve trattarlo con attenzione e amore e farlo risaltare.

Allo stesso modo, quando si lavora con un soggetto, il contesto della storia visiva può aggiungere un’altra dimensione alla fotografia, purché tali elementi siano visivamente previsti. Ad esempio, vedere un cavallo in un campo o in una stalla, o una barca in un porto non è particolarmente degno di nota perché gli elementi sono dove normalmente si troverebbero.

Di Quino Al su Unsplash

Se il fotografo ha una buona idea sulla loro composizione che potrebbe mostrare questi elementi contrastanti, un’immagine come questa può sorprendere lo spettatore e coinvolgerlo di più.

Infine, Kilbee ricorda agli spettatori il potere di scegliere il punto di vista “giusto”. Sperimentare con una varietà di punti di vista, specialmente quelli che non sono all’interno della nostra linea di vista diretta, può mostrare il soggetto scelto da una prospettiva che potrebbe non essere generalmente prevista e può anche mostrare uno sguardo diverso sulla relazione tra due o più soggetti.

Di Chris Barbalis su Unsplash

Il modo in cui un fotografo vede il mondo è unico e Kilbee incoraggia i fotografi a coltivarlo e svilupparlo ulteriormente. Aggiunge che per creare le immagini migliori di cui ogni fotografo è capace, è necessario riqualificare i propri occhi, tuttavia, come la maggior parte delle abilità, richiede semplicemente perseveranza e volontà di uscire e provare.

Altri video educativi e di ispirazione di Kilbee possono essere trovati sul suo canale YouTube.


Crediti immagine: Tutte le immagini provengono da Unsplash e accreditate individualmente, con l’immagine di intestazione principale di Carmine Savarese.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!