Apple aggiunge il chip M1 e il “display Liquid Retina” al nuovo iPad Pro

Apple aggiunge il chip M1 e il “display Liquid Retina” al nuovo iPad Pro

Apple sta sfruttando l’efficienza energetica e la capacità di elaborazione del chip M1 e lo sta impacchettando nell’iPad. La società afferma che il nuovo iPad Pro (da 11 pollici e il nuovo da 12,9 pollici) ha fatto un balzo in avanti in termini di prestazioni, nonché una nuova tecnologia alimentata da mini-LED che chiama display Liquid Retina XDR.

L’M1 a 8 core di Apple può fornire prestazioni della CPU più veloci del 50% rispetto a quelle guidate dall’A12Z Bionic nell’iPad della generazione precedente e può fornire prestazioni della GPU fino al 40% più veloci. L’azienda afferma che questa combinazione di CPU e prestazioni grafiche nel nuovo iPad Pro “amplia il suo vantaggio come dispositivo più veloce del suo genere”.

Potenti tecnologie personalizzate, tra cui un Apple Neural Engine a 16 core di nuova generazione, un processore di segnale d’immagine (ISP) avanzato, un’architettura di memoria unificata a larghezza di banda elevata con fino a 16 GB di memoria, archiviazione 2 volte più veloce e capacità fino a 2 TB, rendere iPad Pro più capace che mai.

Apple afferma che integrando l’M1 nell’iPad, è stato in grado di fornire al dispositivo un’incredibile efficienza energetica che consente una durata della batteria tutto il giorno nonostante la luce e il design del case dell’iPad Pro.

L’iPad Pro supporta anche Thunderbolt, offuscando ulteriormente i confini tra tablet e computer. L’iPad Pro supporta Thunderbolt e USB 4 sulla porta USB-C nella parte inferiore, che secondo Apple rende l’iPad Pro l’iPad più veloce e versatile con una larghezza di banda quattro volte maggiore per le connessioni cablate rispetto al precedente iPad Pro, fino a 40 Gbps. Questa porta consente inoltre all’iPad Pro di connettersi con display esterni ad alta risoluzione, incluso Pro Display XDR di Apple con risoluzione 6K.

Il display Liquid Retina XDR da 12,9 pollici offre prestazioni elevate all’iPad, con fino a 1000 nit di luminosità a schermo intero e 1600 nit di luminosità massima che, secondo Apple, raggiunge un rapporto di contrasto di un milione a uno. Lo schermo è stato progettato utilizzando un nuovo design mini-LED che utilizza oltre 10.000 LED sull’intero display, che consente all’iPad di eseguire il rendering di immagini e video HDR con colori luminosi e neri scuri.

Il nuovo display Liquid Retina XDR include altre tecnologie avanzate che possono essere trovate anche nell’iPad Pro da 11 pollici, tra cui ProMotion, True Tone e il supporto per l’ampio colore P3, offrendo un’esperienza di visione cinematografica mobile impareggiabile per i contenuti HDR e Dolby Vision.

Apple ha preso una pagina dal playbook del portale Facebook con una nuova tecnologia che chiama “Center Stage”. Utilizzando il sistema di telecamere TrueDepth, la nuova fotocamera frontale ultra-wide da 12 megapixel utilizza la combinazione di quel campo visivo più ampio con l’apprendimento automatico per riconoscere e mantenere gli utenti centrati nell’inquadratura. Mentre gli utenti si muovono, la telecamera può seguirlo, in una certa misura. Inoltre, se l’iPad rileva più persone che entrano nella cornice, si ritirerà automaticamente e allargherà la cornice per adattarle.

L’ISP e il Neural Engine in M1 aggiungono ulteriori funzionalità al sistema di fotocamere dell’iPad Pro, come il supporto per Smart HDR 3 per la prima volta su iPad Pro. In condizioni di scarsa illuminazione, l’ISP e lo scanner LiDAR mettono a fuoco immagini e video in modo rapido e preciso “per catturare i dettagli quasi senza luce”.

Il nuovo iPad Pro è disponibile per l’ordine a partire dal 30 aprile e inizierà la spedizione nella seconda metà di maggio. L’iPad Pro da 11 pollici parte da $ 799 per il modello Wi-Fi e $ 999 per il modello Wi-Fi plus Cellular, e l’iPad Pro da 12,9 pollici parte da $ 1.099 per il modello Wi-Fi e $ 1.299 per il Wi-Fi e Modello cellulare.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!