Adobe lancia il supporto nativo Apple M1 per Lightroom Classic

Adobe lancia il supporto nativo Apple M1 per Lightroom Classic

Sulla scia di Capture One, Adobe ha finalmente portato il supporto per il silicio Apple nativo per Lightroom Classic. Oltre a promettere miglioramenti diretti delle prestazioni, Adobe aggiunge anche diverse nuove funzionalità, come Super Resolution, al popolare editor di foto.

La versione di giugno di Adobe per Creative Cloud presenta molti miglioramenti nell’intera suite di applicazioni, ma i fotografi vorranno prestare la massima attenzione alle modifiche e alle ottimizzazioni apportate a Lightroom Classic.

Native M1 Lightroom Classic vede enormi guadagni in termini di prestazioni

Lightroom ora può essere eseguito in modo nativo su Mac dotati del nuovo chip M1 di Apple e Adobe promette che i miglioramenti sono notevoli. La società afferma che la combinazione del processore M1 con l’ottimizzazione di Adobe ha portato a seri miglioramenti. Rispetto a “un Mac Intel equivalente”, Adobe afferma che la maggior parte delle operazioni è almeno due volte più veloce, mentre altre sono ancora più veloci.

L’avvio, l’importazione, l’esportazione e la navigazione delle foto nella vista lente è circa due volte più veloce e la Super Resolution, che è una novità anche in questa versione di giugno, è più di tre volte più veloce su M1 rispetto a una macchina Intel. Secondo quanto riferito, la modifica in batch delle foto è più di quattro volte più veloce.

Adobe ha commissionato a una terza parte di testare le nuove versioni del suo software ottimizzato per M1 rispetto a un equivalente Intel e che spiega nel dettaglio quanto sia migliore la versione M1 di Intel.

Per questi test, il MacBook Pro Apple M1 da 13 pollici con 13 GB di RAM e un SSD da 2 TB è stato confrontato con il MacBook Pro Intel Core i5 da 13 pollici con 16 GB di RAM e un SSD da 2 TB. Entrambi i sistemi sono stati collegati a un Apple Pro Display XDR durante i benchmark.


Nota dell’editore: Il rapporto Pfeiffer commissionato da Adobe contiene molti ottimi dati che confrontano le prestazioni di M1 con Intel, tuttavia, le percentuali incluse nella tabella a pagina 3 sono state calcolate in modo errato. Anche diverse percentuali menzionate nel resto della relazione sono sbagliate.

Nella nostra copertura di seguito, abbiamo ricalcolato le affermazioni “percentuale più veloce” in modo che siano accurate e raccomandiamo ai lettori di avvicinarsi con scetticismo a qualsiasi percentuale nel rapporto originale (e con una calcolatrice). Abbiamo anche eseguito i nostri benchmark, che puoi trovare qui.


Nel primo test, sono state importate 1.000 foto RAW da 12,4 megapixel in entrambi i sistemi. La versione M1 ha completato il benchmark in 28,9 secondi, mentre il sistema Intel ha impiegato 52,8 secondi, il che rende la versione M1 più veloce del 45% in questo compito.

Il secondo test ha chiesto a ciascun sistema di esportare 1000 foto RAW come JPEG con una qualità del 100% sull’SSD locale. La versione M1 di Lightroom è stata in grado di svolgere il compito in sei minuti e 13 secondi, mentre il sistema Intel ha impiegato 13 minuti e 33 secondi. Ciò rende la M1 più veloce del 54% in questo compito.

Il terzo benchmark ha chiesto a entrambi i sistemi di sincronizzare le regolazioni del colore su 1000 immagini. Il software ottimizzato per M1 è stato in grado di completare questa attività in 14,6 secondi, mentre il sistema Intel ha impiegato un minuto e cinque secondi. La macchina ottimizzata per M1 era del 78% più veloce in questo particolare compito.

Infine, il quarto benchmark ha chiesto a ciascuna macchina di aumentare la risoluzione di un’immagine da 12 megapixel con la nuova funzione Super Resolution. La versione ottimizzata per M1 è stata in grado di completare l’attività in 9,6 secondi, mentre la macchina Intel ha impiegato 36,4 secondi. La macchina ottimizzata per M1 era quindi il 74% più veloce in questo compito.

Se sei curioso di confrontare la versione M1 di Lightroom Classic con un MacBook Intel di fascia più alta, assicurati di dare un’occhiata PetaPixel benchmarking del nuovo software qui.

Super risoluzione

Come è stato notato sopra, Adobe sta aggiungendo la sua nuova funzione Super Resolution a Lightroom Classic e Lightroom CC. In precedenza, questa opzione era disponibile solo in Adobe Camera Raw (ACR). Il miglioramento dell’immagine dovrebbe funzionare in modo identico alla precedente versione solo ACR.

I meriti della Super Risoluzione sono già stati trattati a lungo, ma per ulteriori informazioni sulla funzione, assicurati di confrontarla con Topaz Gigapixel AI qui e la sua pura capacità qui, e come influenza le foto dello smartphone qui.

Live View collegato per Nikon

Adobe ha annunciato che un feed in tempo reale di una fotocamera Nikon collegata e supportata verrà ora visualizzato in Lightroom Classic. L’elenco completo delle fotocamere Nikon supportate può essere trovato qui ed è ampio.

Preimpostazioni Premium

Adobe ha annunciato che tutte le sue applicazioni fotografiche (ACR, Lightroom Classic, Lightroom Mac/Win, iOS, Android, Web) ora includono un insieme di quelli che chiama “Preset Premium”, che sono “preset di modifica di alta qualità creati da un insieme diversificato e talentuoso di fotografi contemporanei.”

Questo set iniziale di Predefiniti Premium include preimpostazioni in sette diverse categorie: Ritratti-Pelle profonda, Ritratti-Pelle media, Ritratti-Pelle chiara, Cinematico, Futuristico, Vintage e Viaggi. Adobe aggiungerà a questa raccolta di preimpostazioni Premium con ulteriori versioni in futuro.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!