10 foto incredibili dal fotografo dell’anno 2021 della Via Lattea

10 foto incredibili dal fotografo dell’anno 2021 della Via Lattea

Blog di fotografia di viaggio e avventura Cattura l’Atlante ha pubblicato i risultati del suo annuale Milky Way Photographer of the Year, una raccolta di 25 splendide foto che mostrano il cielo notturno da luoghi di tutto il mondo.

Questa raccolta viene pubblicata nella primavera di ogni anno che è considerata l’apice della stagione della Via Lattea, con il semplice obiettivo di ispirare gli altri e condividere la bellezza della nostra galassia. Non ci sono vincitori o secondi classificati in questa sfida, invece, Cattura l’Atlante evidenzia ugualmente 25 delle immagini migliori e più stimolanti della Via Lattea da tutto il mondo.

L’elenco di quest’anno presenta immagini catturate in 12 paesi come Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Cile, Iran, Turchia, Brasile, Spagna, Italia, Slovenia, Svizzera e Grecia da 25 fotografi di 14 nazionalità diverse. I fattori principali per la selezione di queste immagini ogni anno sono la qualità dell’immagine, la storia dietro lo scatto e l’ispirazione generale che la fotografia può fornire.

Di seguito sono elencate 10 delle immagini stimolanti dalle selezioni di quest’anno con le storie di ciascuna raccontate dai fotografi che le hanno catturate:

“Riaño” – Pablo Ruiz

Riaño, Spagna

“Ho catturato questa immagine lo scorso inverno nel bacino idrico di Riaño in Spagna. La difficoltà maggiore quella notte fu principalmente il freddo; era oltre i -10 gradi. L’umidità nel serbatoio stava congelando l’obiettivo ed è stato difficile riprendere per un lungo periodo di tempo.

“Ho pianificato la fotografia utilizzando PhotoPills e, quando le previsioni del tempo erano promettenti, ho deciso di provarci. La composizione della Via Lattea invernale sulle montagne e il bacino idrico ha creato uno scenario magico “.

“Temple Of The Sun” – Bryony Richards

Parco nazionale di Capitol Reef, Utah – USA

“Il nucleo della Via Lattea sorge prima dell’alba sotto i cieli meridionali del” Tempio del sole “del Parco nazionale di Capitol Reef. Questa zona del deserto dell’altopiano del Colorado, nota per le sue cupole, hoodoos, pinne, barriere coralline, ponti naturali e canyon di slot, include i Templi del Sole e della Luna.

“Questi monoliti di arenaria risalenti al Giurassico, che si sono formati come fango sabbioso su una distesa di marea, torreggiano sopra il fondo desertico altrimenti piatto. Sembra più di una coincidenza che i Templi siano perfettamente allineati con la Via Lattea, i loro vibranti colori arancioni che sembrano riflettere il colore delle stelle sopra “.

“Dragon’s Lair” – Daniel Thomas Gum

Mungo, NSW – Australia

“Questa è la mia immagine notturna preferita fino ad oggi. Mungo è a 12 ore di macchina da casa mia a Sydney, ma quei cieli di Bortle 1 sono i migliori a cui abbia mai assistito e fotografato di notte. Ho avuto condizioni perfette per tre notti consecutive, con un seeing davvero buono dappertutto.

“Nel momento in cui mi sono imbattuto in questa scena, sapevo esattamente come volevo chiamare l’immagine. Era ultraterreno – pensa Game of Thrones – e si allineava perfettamente per come volevo catturarlo. Grandi pareti frastagliate incorniciavano un sentiero tortuoso che portava a una guglia centrata a ovest. Ci sarebbe stato solo un modo per rendergli giustizia ed era come un panorama a più livelli della Via Lattea.

“Ho pianificato questa immagine utilizzando PhotoPills durante il giorno, ma in fase di post-elaborazione, ho deciso di utilizzare la fusione dell’ora blu per il primo piano con un cielo tracciato per un’immagine più pulita possibile.”

“Gola del diavolo” – Victor Lima

Cascate di Iguazu, Brasile

“Fotografare le cascate dell’Iguazù di notte è sempre stato uno dei miei progetti prioritari. Per fare ciò, avevo bisogno di ottenere un’autorizzazione speciale dall’agenzia ambientale responsabile dei parchi nazionali in Brasile.

“Alla fine, all’inizio del 2021, ho ottenuto questa autorizzazione e ho deciso di mettere in pratica il mio piano. Ho trascorso 4 giorni all’interno del Parco nazionale dell’Iguazù con accesso esclusivo alle cascate di notte per me e i miei studenti. La prima sfida è stata quella di passeggiare per il parco di notte sapendo che lì vivono diversi giaguari, che sono spesso visti da dipendenti e turisti.

“Nella zona più vicina alle cascate principali, la grande sfida era realizzare immagini a lunga esposizione con il forte getto d’acqua dagli oltre 1,5 milioni di litri al secondo che cadono attraverso le cascate. Lavorare con tempi di esposizione superiori a 10 o 15 secondi è diventato un compito quasi impossibile e l’obiettivo non si è mai asciugato.

“In questa immagine, abbiamo una delle cascate principali del complesso delle cascate di Iguazu, il” Salto di Santa Maria “. Proprio sopra l’autunno, possiamo vedere Saturno e la luce zodiacale che illumina l’orizzonte. Più in alto c’è il Nucleo della Via Lattea. Possiamo anche identificare alcune delle principali nebulose a emissione presenti in questa regione del cielo “.

“Vulcano e croce” – Tomas Slovinsky

Vulcano Villarrica, Cile

“Se non hai mai visto il Southern Sky, è significativamente diverso e davvero sorprendente. Nell’emisfero settentrionale, usiamo la stella polare Polaris, ma sotto l’equatore ci sono altre regole. Per riconoscere facilmente il polo sud celeste, l’indicatore migliore è la costellazione della Croce del Sud, situata nell’immagine appena sopra il vulcano Villarrica.

“Questa croce punta al polo sud celeste ed è facile da identificare, considerando la luminosità delle stelle. All’interno della croce, possiamo vedere l’area scura chiamata “Sacco di Carbone”, che è anche visibile ad occhio nudo. È una delle nebulose oscure più famose nel cielo.

“Nell’angolo in alto a sinistra, c’è un’altra gemma del cielo notturno: la Nebulosa Carina di colore rosso. Questo è anche visibile solo nell’emisfero australe e, anche se è visibile ad occhio nudo, con un binocolo, possiamo vedere tutti i bellissimi dettagli “.

“Camera di Luce” – SPencer Welling

Utah, Stati Uniti

“I deserti del sud-ovest abbondano di luoghi per catturare il cielo notturno. Con tutto ciò che il sud-ovest ha da offrire, è facile trascurare alcune delle gemme nascoste più oscure che si librano sotto il radar.

“Questo è uno di questi luoghi, che si trova sotto una remota serie di scogliere a Grand Staircase-Escalante. Grazie alla sua lontananza, questa camera in pietra naturale offre alcune delle viste più nitide e incontaminate della Via Lattea incorniciata dall’apertura color rame della caverna. ”

“Mt. Taranaki Milky Way ”- Larryn Rae

Fanthams Peak, Mt. Taranaki – Nuova Zelanda

“Questo è uno degli scatti più impegnativi che abbia mai catturato, poiché è stata necessaria un’arrampicata di 4 ore con venti a 70 km / h per raggiungere la vetta ghiacciata del Fanthams Peak, un vulcano sul lato del Monte Taranaki. Ad un’altitudine di 2000 me -15 ° C all’aperto con raffiche di vento, ho dovuto scegliere impostazioni che mi permettessero di catturare piuttosto che quelle che potevo considerare impostazioni più ideali.

“Sono così entusiasta di aver catturato quello che ho fatto sotto un cielo perfettamente limpido, poiché è stato sia un vero test sia di alpinismo che di resistenza portare tutta la mia attrezzatura in questo luogo, ma guarderò indietro con orgoglio e successo.”

“Nyctophilia” – José Luis Cantabrana

Great Ocean Road, Victoria – Australia

“Questa location incredibile mi ha sempre stupito, anche prima che mi interessasse la fotografia. Questo insieme di rocce, scolpite dal mulinello incessante del mare e dal vento potente che sferza la costa meridionale di Victoria è, senza dubbio, il paesaggio più emblematico dell’Australia.

“Dopo uno straordinario tramonto seguito da un etereo tramonto della luna, ero lì, a contemplare il punto che avevo sempre sognato sotto un magico cielo stellato. Tuttavia, non tutto era rosa quella notte … Avevo portato con me un nuovo pezzo di equipaggiamento, uno star tracker, e non appena ho iniziato a configurarlo, sapevo che sarebbe stata una notte difficile. Dopo numerosi tentativi falliti di allinearlo verso il polo sud celeste, ero pronto ad arrendermi, ma ho deciso di fare un tentativo e “vedere cosa succede” mentre il nucleo galattico si sollevava. Sorprendentemente, ha funzionato bene e una porta si è aperta per me, in un nuovo mondo magico pieno di stelle. ”

“ADK Magic” – Daniel Stein

Montagne Adirondack, New York – USA

“La costa orientale è meno conosciuta per la fotografia della Via Lattea a causa della sua popolazione condensata e, di conseguenza, dell’intenso inquinamento luminoso. Tuttavia, ci sono ancora alcuni cieli bui rimasti …

“Nascosta nello stato di New York, la regione degli Adirondacks è composta da 6 milioni di acri di terra designati come” Forever Wild “. Ospita alcuni degli ultimi cieli più bui conosciuti sulla costa orientale. Mi sento come se fossi a casa quando faccio un’escursione negli Adirondacks. Questo scatto, poi, cattura la magia che sento riempire il mio cuore quando sono lì. Non solo è costituito da un lago che sembra prendere la formazione di un cuore stesso, ma mostra anche quanto ha da offrire la costa orientale: bellissimi boschi combinati con acqua calma e dolci colline. Il mio cuore è in queste montagne e sono così grato di poterle esplorare.

“Con questo in mente, queste montagne sono costantemente invase dall’inquinamento luminoso. Il bagliore giallo all’orizzonte è l’inquinamento luminoso proveniente dalla regione e in lontananza. Il mio obiettivo è tentare di utilizzare la mia fotografia per aumentare la consapevolezza sul problema e ripristinare la notte. Ricorda: se hai intenzione di visitare la regione, ti preghiamo di documentarti su tutte le normative vigenti e di non lasciare traccia in loco “.

“Paradise Beach” – Alyn Wallace

Via Licia, Turchia

“Ho trascorso la pandemia in una valle remota sulla costa sud-occidentale della Turchia cercando di evitare il caos delle restrizioni e dei blocchi e di essere invece circondato da una natura meravigliosa. Purtroppo, la valle in cui risiedevo ha pareti molto ripide e solo una vista chiara a ovest, ma, poiché il nucleo della Via Lattea sorge nel sud-est in questo periodo dell’anno, ho dovuto salire sulle montagne per avere una buona vista.

“Il percorso per arrivare a questo luogo fa parte della Via Licia, un popolare sentiero escursionistico di più giorni lungo la costa incredibilmente bella della Turchia. La vista si affaccia su una spiaggia conosciuta come “Cennet”, che, tradotto dal turco, significa “Paradiso”, un nome con cui sono completamente d’accordo!

“Sedersi sul fianco della montagna a godersi questa vista della Via Lattea che si inarca sulle montagne mentre si ascolta il suono delle onde che si infrangono dolcemente al di sotto e i gufi che volteggiano attraverso le valli era proprio il tipo di pace e solitudine di cui avevo bisogno.”


Per vedere tutti i vincitori di quest’anno, vai a Cattura l’Atlante. Se sei interessato ad entrare personalmente nella fotografia della Via Lattea, consulta la guida della pubblicazione per fotografare la Via Lattea e questo utile calendario della Via Lattea all’inizio di quest’anno.


Crediti immagine: Tutte le foto sono state accreditate individualmente e utilizzate per gentile concessione di Capture the Atlas.




Iscriviti nei nostri Gruppi Telegram CLICCA QUI per condividere la tue fotografie, chiedere e rispondere alle domande che sorgono e aiutarsi a vicenda!

Ti ricordiamo anche il gruppo Telegram principale Fotografia Italia!